Messina, ancora furbetti del cartellino: 65 indagati

  • blog notizie - Messina, ancora furbetti del cartellino: 65 indagati

Ancora “furbetti del cartellino” in Sicilia. Siamo a Furci Siculo, in provincia di Messina, dove 16 dipendenti sono stati raggiunti da una misura cautelare perchè accusati di truffa in danno di ente pubblico e falsa attestazione mediante modalità fraudolente. In poche parole, timbravano il cartellino, ma non entravano al lavoro. La Procura di Messina ha fatto notificare ai 16 l’obbligo di firma e di presentazione alla polizia giudiziaria. In totale gli indagati sono 65, su 85 dipendenti, che per un paesino di 3.400 abitanti non sono pochi.

La Polizia ha visionato le immagini da giugno a luglio 2015. I dipendenti erano già stati ammoniti: varie le comunicazioni negli anni in cui si chiedeva di rispettare l’orario di lavoro. Invece, i filmati riprendono i lavoratori badgiare per sè e/o per i colleghi e poi andarsene. Alcuni si presentavano con le buste della spesa appena fatta. Altri magari al lavoro ci andavano, ma dopo aver timbrato il cartellino ore prima.
Tra i 16 indagati un record: un uomo, su 26 giorni di lavoro, si sarebbe presentato una volta sola. Un altro dato pittosto grave è che per alcuni dipendenti sono state contate più di 150 ore di assenza. E, infine, si sono registrati casi di “pausa caffè” prolungata, forse un po’ troppo: i 10 minuti previsti diventavano 20 ore.


Tags :