Twitter vince ai punti le elezioni degli Stati Uniti

  • blog notizie - Twitter vince ai punti le elezioni degli Stati Uniti

Grande affluenza il giorno delle elezioni per il social network.

L’importante è partecipare. Segnale di quantità ma non di qualità.
Non importa se per esprimere il proprio voto per Donald Trump, che si usa Twitter come una “forma di comunicazione moderna”, o Hillary Clinton, che ha pubblicamente intimato Trump a cancellare il proprio account. La vittoria nel giorno delle elezioni è da attribuire a Twitter che con più di 35 milioni di tweet relativi alle elezioni batte il record stabilito il giorno delle elezioni nel 2012 di oltre 31 milioni di tweets totali.

Con i suoi 317 milioni di utenti Twitter è spesso trattata come un canale alternativo nei social media, in ritardo gigante Facebook e il servizio di condivisione foto-video di Instagram così come il frizzante e nuovo arrivato giovanile Snapchat. Il giorno delle elezioni, quando la gente vuole stare al passo con gli eventi, è più indicato un servizio rapido di condivisione di notizie, Twitter.

Gli elettori americani sparano tweets dagli smartphone, tablet e laptop passando la serata delle elezioni in compagnia come un evento per gli appassionati e non, un pò come se giocasse la nazionale di calcio. E’ necessario dunque aggiornarsi in tempo reale con la notizia più fresca da commentare. E’ quello che ha detto Jan Dawson, capo analista di Taccola Research: “Va da se che Twitter è ancora la piattaforma istantanea e veloce per quello che succede in questo momento, mentre facebook è più indicato per mostrare agli utenti i punti in cui si impegna il candidato, per cui non deve essere necessariamente l’ultimo contenuto più recente”.

Sempre Dawson continua dicendo che gli utenti di twitter possono controllare esattamente cosa vedere: “Su Facebook si vedono quasi tutti i contenuti che condividono i propri amici, mentre su Twitter è possibile anche scegliere di non vedere nulla e nessuno”.

Insomma, anche se lo staff di Trump ha dovuto chiudere il suo account Twitter alle porte delle elezioni per uso improprio e probabilmente controproducente per lo stesso candidato, bisogna ammettere che la forza comunicativa di questo social network è stata ancora una volta confermata dai numeri, al di là delle cattive acque in cui versa.

E’ d’obbligo dunque constatare che questo social suscita molto interesse negli utenti, ma non bisogna sottovalutare la sua impopolarità per le molestie e gli abusi che sono dilaganti nei tweets. Durante la stagione elettorale Twitter è stato anche criticato per un aumento massiccio di espressioni di odio. Proprio in questo periodo elettorale si è notata inoltre una diffusione di disinformazione dilagante che mette in cattiva luce il network.