Twitter estende la funzionalità “mute” contro gli abusi

  • blog notizie - Twitter estende la funzionalità “mute” contro gli abusi

Spesso per connetterti subito per vedere di cosa si parla sul web, di cosa la gente discute nella giornata, basta connettersi a Twitter che rappresenta il flusso di notizie e opinioni in tempo reale. Purtroppo però la piattaforma così adorata dagli utenti e persino dagli elettori durante le ultime elezioni degli Stati Uniti, è balzata alle cronache spesso anche per espressioni radicate da abusi e odio che molto spesso hanno allontanato gli stessi utenti.

La stessa azienda ha portato ad ammettere in un post sul blog il problema tanto da dichiarare: “La quantità di abusi, bullismo e molestie che abbiamo visto su Internet è aumentato notevolmente nel corso degli ultimi anni, questi comportamenti inibiscono le persone di partecipare su Twitter”

Dunque meglio correre ai ripari estendendo la funzione “mute” di Twitter che sino ad adesso ha solo permesso di silenziare singoli utenti dal proprio flusso di tweets. Questo non salvaguarda dalla possibilità che il molestatore possa usare diversi account nuovi creati ad hoc per infastidire un utente specifico.

Come funzionerà la funzione mute di Twitter. Dunque l’azienda dichiara che la nuova caratteristica funzionerà in questo modo: “Twitter ha avuto per lungo tempo una funzione – denominata mute – che consente di disattivare gli account da cui non si desidera vedere i tweet. Ora stiamo espandendo il mute laddove le persone hanno più bisogno: nelle notifiche. Stiamo consentendo di silenziare parole, frasi, e persino intere conversazioni per le quali non si vogliono vedere le notifiche, da estendere a tutti gli utenti nei prossimi giorni.” In poche parole gli utenti potranno disattivare o bloccare specifiche parole, frasi, hashtag e anche emoji e verranno avvisati con il sistema di notifiche.

La società ha inoltre dichiarato che sta riqualificando tutto il team interno di supporto, responsabili di far rispettare il codice di condotta Twitter e indagare le segnalazioni di violazione, ma ammette: “Non ci aspettiamo che questi annunci possano rimuovere improvvisamente comportamento abusivo da Twitter”.


Tags :