Referendum, valzer social tra Si e No. All’estero mortadella nelle schede

  • blog notizie - Referendum, valzer social tra Si e No. All’estero mortadella nelle schede

All’estero si vota già sul referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre. E sui social impazzano le foto fra chi posta selfie mentre mette la croce sulla casella del Si o su quella del No. Uno di questi è l’imprenditore del lusso Flavio Briatore, schierato per il Si. In tanti postano immagini di protesta, una su tutti la scheda con all’interno una fetta di mortadella.

La scelta del manager di dichiarare il suo voto ha suscitato commenti positivi, ma anche una pioggia di critiche tra i follower, scatenando applausi e polemiche a seconda dello schieramento politico dei propri follower. La foto, in meno di 5 giorni, ha accumulato oltre i 6 mila like.

La voglia di esprimere pubblicamente la scelta fra Si e No fa perdere segretezza alla votazione, oltre al rischio dell’annullamento di molte. Dal ragazzo che ha postato la foto di una terza casella aggiunta con scritto “boh”, al “ni”, alla scheda con all’interno la fetta di mortadella, fino ad altre scritte simpatiche col solo scopo di racimolare qualche like. La fama effimera acquisisce così più importanza del futuro, per cui si rinuncia a votare.

Tra i sostenitori del “No” troviamo molti cantanti, tra cui Piero Pelù, i 99 Posse, Fiorella Mannoia, ma anche Camilleri, Toni Servillo e Sabrina Ferilli. Sul fronte opposto, quello del Si, ci sono invece Roberto Benigni, Zingaretti, Alessandro Cecchi Paone, Giampiero Mughini, Paolo Sorrentino e Stefania Sandrelli.

Parole molto dure e convinte da parte della Mannoia: ““Io voto No perché non sono all’altezza di capire 47 punti della costituzione che vengono cambiati e non ho capito neanche come. Voto NO perché non mi bevo il fatto che si snellisce la votazione di una legge, quando le hanno votate in tre giorni quando gli ha fatto comodo”.

Ironica, invece, la showgirl Nina Moric, sui social: “Nessuno mi ha pagato per influenzare verso il Sì o il No…”.


Tags :