I 17 errori grammaticali più frequenti!

  • blog notizie - I 17 errori grammaticali più frequenti!

Nella speranza che l’uso corretto della grammatica si diffonda il più possibile, almeno per le regole di base, eccovi di seguito gli errori più frequenti trovati sul web.

errori

  1. Ne voglio un po si scrive con l’apostrofo, pò non significa nulla e il fiume si scrive Po. Po’ è l’abbreviazione della parola “poco”, l’apostrofo in questo caso è una troncatura.
  2. Si scrive sono d’accordo, e non sono daccordo.
  3. Qual è” non si apostrofa, rappresenta un troncamento e non un’elisione.
  4. Dopo ogni segno di punteggiatura si inserisce lo spazio. Dopo il punto va la lettera maiuscola.
  5. I puntini di sospensione sono TRE
  6. Su qui e su qua l’accento non va, su lì e su là l’accento ci va.”
  7. Su “va” l’accento non va mai.
  8. Sta” (del verbo stare) e “fa” (del verbo fare) non vogliono l’accento.
  9. ” come particella affermativa si accenta sempre.
  10. Affianco” è la prima persona singolare del presente indicativo del verbo affiancare. Per esprimere qualcosa che è al lato di qualcosa, si scrive “a fianco”.
  11. Apposto“ è la forma del participio passato del verbo apporre (es.: “Ho apposto la mia firma per la petizione”). Se vogliamo intendere “tutto in ordine”, dobbiamo scrivere tutto a posto staccato.
  12. Se invece dobbiamo dire “L’ho fatto apposta” ricordatevi che non si scrive “a posta” staccato come spesso, purtroppo, si legge su facebook (e non perché si rifanno alla lingua antica ormai in disuso, ma solo perché sono ignoranti  )
  13. Accelerare” si scrive con una sola elle.
  14. Uscire” è un verbo intransitivo per cui non regge il complemento oggetto. In parole semplici, non puoi “uscire le cose dalla borsa”, ma puoi uscire da un ingorgo o uscire con Lucia. Per cui, “esci le valigie” evitatelo come la peste!
  15. Usare la K al posto della Ch non fa figo, fa “sciatto”
  16. Si scrive “A parte tutto” e non “Apparte tutto”
  17. Per non parlare di quelli che scrivono “non C’É la posso fare”. NOI non “ce” la possiamo fare

Una frase ben scritta, in buon italiano è più bella, più comprensibile e darà un’immagine di te migliore. Gli sbrodolamenti di punti di sospensione e punti esclamativi, gli errori gratuiti e sistematici, parleranno di te “male”. Pensaci al tuo prossimo post su Facebook, un secondo di pensiero in più può cambiare completamente la tua immagine online e la tua efficacia comunicativa.