Il lato social dello shopping natalizio: il marketing emozionale

  • blog notizie - Il lato social dello shopping natalizio: il marketing emozionale

Quest’anno, i regali per Natale si comprano online. Niente file in negozi strapieni di persone indecise, ma potrete scegliere direttamente da casa vostra il regalo perfetto. Negli ultimi anni i comportamenti d’acquisto sono cambiati, questo grazie alla presenza degli eCommerce.

ecommerce1

Infatti, secondo alcuni dati, raccolti da Google, il 76% delle persone che sono alla ricerca di prodotti e/o servizi nelle vicinanze, visitano lo store entro un giorno. Mentre, il 28% di queste ricerche si risolve in un acquisto online. Nel frattempo, il ruolo dello smartphone acquisisce un’importanza fondamentale per l’eCommerce, senza escludere i social media, i quali condizionano e indirizzano concretamente le scelte dei consumatori.

socialmedia_influencer1

Gli utenti, su Facebook, sono propensi a cliccare su annunci relativi alla propria area geografica e ai propri interessi e le Ads sono ritenute utili ed efficaci dal 66% degli utenti.
Instagram, invece, non ha raggiunto ancora una tal forza dal punto di vista delle conversioni, perché il 70% degli utenti ancora ignora la gran parte dei post sponsorizzati. Ma si sa, la forma più efficace di marketing non convenzionale è il marketing emozionale.

Proprio per questa ragione, il consumatore tende a considerare più importante la percezione di un prodotto rispetto alle sue caratteristiche funzionali. E sulla base delle impressioni, in tanti stanno sperimentando, come il sito di vendita e aste on-line eBay, con il suo pop-up store alimentato proprio dalle emozioni.
Il marketing emozionale è “un’esperienza memorabile che il cliente deve sperimentare, tale da superare le sue aspettative, che, in altre parole, anticipi i suoi desideri inconsci, soddisfacendoli al tempo stesso”, afferma così Bernd H. Schmitt, professore della Columbia University.

La condivisione di esperienze, di sentimenti crea un forte legame tra il brand e il cliente, tanto che quest’ultimo diventa spontaneamente Brand Ambassador, ovvero ambasciatore del brand.
Un’esempio vincente è l’ultima campagna marketing di Coca-Cola, “Quest’anno fai un regalo a chi rende speciale il tuo Natale”.

babbo-natale
La casa produttrice della bevanda si serve, per questa campagna, di più canali social: su Facebook troverete un Babbo Natale Bot che vi permetterà di donare dei buoni Amazon alla persona a voi speciale; su Twitter  ci saranno degli stickers esclusivi; su Snapchat, per la vigilia di Natale, sarà disponibile un filtro speciale che vi vestirà come Babbo Natale. Il brand ha, da sempre, un ruolo cruciale nella diffusione di valori emozionali, il suo obiettivo è proprio quello di vendere emozioni e buone sensazioni, creare dialoghi con i propri consumatori, facendoli sentire importanti.

Fare shopping online ha sicuramente tanti aspetti positivi: si ha la possibilità di confrontare diversi prodotti, valutarne prezzi e caratteristiche, per poi trovare il più conforme a quello che stiamo cercando, abbiamo la possibilità di fare acquisti in qualsiasi luogo e momento, anche quando i negozi fisici sono chiusi, tutto a portata di un click. Senza tralasciare la comodità di fare compre anche in pigiama!

loading...

Tags :