Maraismara: la prima orafa italiana che usa l’Oro Fairtrade

Nel 2011 iniziava a creare piccoli gioielli in cui era possibile incidere “un promemoria, un augurio e un obiettivo” da portare sempre con sé. L’ottone è stato il suo prima materiale con cui ha iniziato a lavorare, poi ha sperimentato l’argento e infine l’oro. Per lei creare è come “un modo per raccontare il tempo… Un esercizio spirituale”.

Mara Bragaglia è la prima e l’unica orafa italiana autorizzata a lavorare l’oro Fairtrade e il relativo marchio, il Fairtrade Gold. È l’oro più prezioso del mondo perché l’unico che non ha niente a che fare con sfruttamento, violenze e soprusi, in quanto è tracciabile grazie ad un network internazionale.

Ama l’arte e la filosofia. Ha trasformato il suo laboratorio a Torrice (Frosinone), in un posto incantato dove avviene della magia: la mamma lava i gioielli finiti e li impacchetta, il papà si occupa di far sì che i pacchi arrivino a destinazione e la sorella gestisce le relazioni con i clienti. “Se c’è una cosa che mi piacerebbe tanto riuscire a creare – scrive Mara sul suo sito – ecco, quella cosa sarebbe un talismano”.
Mara è capace di trasformare le emozioni in gioielli, basta dare uno sguardo al suo sito Maraismara.com per capire di cosa sto parlando. 


Tags :