Sequestro, percosse e violenza sessuale: fermato 23enne nel casertano

  • blog notizie - Sequestro, percosse e violenza sessuale: fermato 23enne nel casertano

I carabinieri di Santa Maria Capua Vetere hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di violenza sessuale aggravata, lesioni personali, sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia emessa nei confronti di Vincenzo Cioffi. Guadagnava la fiducia delle sue vittime, le ospitava nella sua abitazione e di fatto le segregava, in un caso costringendo una minorenne a subire violenze sessuali.
Le indagini sono partite a seguite delle denunce sporte da due vittime, che risultano non conoscersi fra di loro, la prima nel periodo di maggio-giugno la seconda nel periodo di luglio-agosto.

La prima vittima era costretta a rimanere in casa senza possibilità di contattare i famigliari anche se si trovava in stato di gravidanza. Alla donna venivano negate anche le visite ginecologiche e infatti era giunta al parto in pessime condizioni sanitarie. Approfittando dell’assenza del sequestratore la vittime era riuscita a fuggire rifugiandosi dai propri parenti.

La segnalazione di reato è infatti giunta proprio dal presidio ospedaliero nel quale la ragazza ha partorito, senza che l’uomo fosse presente. La ragazza è riuscita a scappare dopo un’accesa discussione con Vil suo aguzzino che le ha procurato gravi lesioni al volto e al petto, ed è riuscita a rifugiarsi dai propri parenti.

La seconda vittima di nazionalità rumena e minore di 18 anni, è stata anch’ella segregata in una delle stanze dell’abitazione. Dietro le minacce di un coltello, percosse e persino bruciature di sigarette la donna veniva costretta a compiere atti sessuali. Il “mostro” di Santa Maria aveva sigillato la propria abitazione con travi di legno, chiodi e lucchetti, ma la donna era riuscita a fuggire quando l’uomo aveva dimenticato di chiudere la porta. Sulla vittima sono state trovate lesioni gravissime.

Una terza vittime di Cioffi è risultata essere la madre che veniva percossa con schiaffi e pugni e costretta a vivere in un clima di terrore e ansia.

 

loading...

Tags :