Maradona show al San Carlo: “Pelè eterno secondo. Platini è un ladro”

  • blog notizie - Maradona show al San Carlo: “Pelè eterno secondo. Platini è un ladro”

Maradona show al teatro San Carlo. Ieri “El pibe de oro” ha presenziato sul palco del teatro partenopeo, spostandosi poi a cena all’hotel Vesuvio, con il rapper Clementino. Pioggia di accuse e critiche: da Blatter a Platini, fino a Pelè ed Higuain. Poi, l’elogio a Papa Francesco.

Oltre mille biglietti venduti per lo show dedicato da Alessandro Siani al fenomeno argentino. “Tre volte 10”, un evento per ricordare i 30 anni dal primo scudetto del Napoli. Un prezzo esorbitante per partecipare: 300 euro. Il motivo lo spiega proprio Maradona, con una frecciatina al rivale di sempre: “Sapete perché? Pelè si fa pagare 200 euro e quello lì dev’essere sempre secondo”.

A un certo punto sul palco appaiono i cartonati degli ex presidenti Fifa e Uefa, Platini e Blatter, e Maradona esclama: “No, questi due no. Sono dei ladri, hanno portato via tutto”.

Presente allo show anche il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, a fianco del sindaco De Magistris. Maradona lo elogia “DeLa”: “Gli ho parlato. Lui, come tutti noi, vuole vincere. Bisogna avere fiducia in lui. Certo, per essere più grandi però servirebbero un altro paio di scudetti…”. Poi, una stoccata velata ad Higuain, senza nominarlo esplicitamente: “Con la maglia azzurra io ho sognato. Ho preferito seguire il cuore, non accettando l’offerta del Barcellona che mi proponeva il raddoppio dello stipendio. Per quello a Napoli mi sento a casa, perché io non tradisco”.

Anche note rosa in mezzo alla bufera. Maradona, tra uno sfogo e l’altro, ha parlato della sua famiglia, del figlio Diego junior in particolare:”Faccio le scuse dopo trent’anni a mio figlio Diego. Scusa, ma adesso non ti lascerò mai più”

Finale dedicato a Papa Francesco, con cui Maradona ha parlato faccia a faccia: “Mi ha riavvicinato alla Chiesa, ci siamo incontrati e gli ho detto che non serve una banca al Vaticano. Anche lui è d’accordo con me”.


Tags :