Dior Haute Couture, la prima di Maria Grazia Chiuri a Parigi

  • blog notizie - Dior Haute Couture, la prima di Maria Grazia Chiuri a Parigi
    Credits: Afp

Dior, la prima collezione Haute Couture realizzata da Maria Grazia Chiuri nelle vesti di direttore creativo, è andata in scena a Parigi. Una fiaba lunga una notte, in una giardino incantato che non può non affascinare chiunque ne scorga i dettagli

Maria Grazia Chiuri ha portato in passerella un sogno. Un sogno che affonda le radici nella storia di Monsieur Dior, in una tradizione che la neo direttrice creativa del marchio ha saputo cucire con intelligenza e maestria. Lo studio dell’ambientazione ha dato a questa collezione un tratto fiabesco, di mistero e incanto. Non a caso la passerella è stata un vero e proprio labirinto, in cui la magia dell’Haute Couture e del savoir faire italiano, ha ritrovato elementi essenziali della storia della maison francese.

“Ho pensato questa collezione come fosse un sogno, un viaggio dentro un giardino a labirinto in cui si svolge una festa in maschera. È una suggestione che viene soprattutto dal mio continuo studio di Christian Dior. Più mi avventuro dentro la sua vita, più scopro angoli che non conoscevo. Ho un senso di dovere e di rispetto verso questa storia. C’è molto della scenografia francese in questa collezione e allo stesso tempo c’è il mio culto italiano per l’artigianato e per il lavoro d’atelier”. È così che Maria Grazia Chiuri ha descritto il suo debutto all’interno della maison. Un inizio che mostra lo studio accurato della stilista, in grado di penetrare a fondo l’eredità di Dior. Una collezione diafana, che rappresenta anche un tributo a una delle grandi passioni di Christian Dior:  la sua passione per i fiori e il suo giardino nella Villa di Grandville in Normandia.

Ma non c’è solo l’inizio di una nuova epoca. Questa sfilata è anche un addio. A Franca recita l’incipit della brochure di presentazione dello show. Un piccolo grande omaggio, fatto con il cuore, a Franca Sozzani, ex direttrice di Vogue Italia, venuta a mancare da poco. Un’assenza sentita.

Dior, la collezione

Maria Grazia Chiuri ha fatto il suo debutto a Dior con una collezione che vede confluire elementi iconici della maison, con l’artigianalità tipica italiana. Ci sono infatti i completi che rielaborano la giacca Bar, lanciata nel 1947 e abbinata ora a gonne plissé, dotata di cappuccio e bombata sui fianchi. I colori sono molto delicati, resi tali dalla velatura che sembra quasi proteggerli e dalle decorazioni floreali che riprendono i copricapo (di ottone, di struzzo, di porcellana) realizzati dall’artista inglese Stephen Jones. Sono stati questi uno dei punti focali della collezione, insieme alle farfalle e agli insetti che poggiano delicatamente su abiti e accessori. I gioielli sono sculture di Claude Lalanne creati appositamente per la sfilata.

Come ha detto Maria Grazia stessa: “Il mio non è un sogno che rimane solo sogno, questi abiti sono molto mettibili”. Non per tutte ovviamente, ma nei sogni di tutte noi c’è un abito così.

Credits: getty images

Credits: getty images

credits: getty images

credits: getty images

Credits: getty images

Credits: getty images

Credits: getty images

Credits: getty images

Dior, la location

Il Museo Rodin è stato scelto come location per la presentazione di questa collezione Haute Couture. All’interno del giardino è stato realizzato un vero e proprio labirinto, popolato da fanciulle che sembrano provenire da un mondo fatato. Un’atmosfera romantica e intrigante, ma sempre esclusiva, in grado di introdurre a tutti gli effetti nel mondo dell’Alta Moda.

Credits: Getty Images

Credits: Getty Images

Dior, i vip nel front row

Un front row carico di celebrità, tra blogger, attrici o giornalisti di moda. Immancabile Anna Wintour, la celebre direttrice di Vogue America, così come Chiara Ferragni e Olivia Palermo. All’appello anche Kirsten Dunst e Diane Kruger, ma anche Bianca Brandolini, Diane von Furstenberg, Eva Herzigova, Miroslava Duma, Kristina Bazan e molti altri.

Credits: afp

Credits: afp

Credits: Getty Images

Credits: Getty Images

Credits: Getty Images

Credits: Getty Images

Credits: getty images

Credits: getty images

Credits: getty images

Credits: getty images


Tags :