Linate, pizzo ai senzatetto per dormire in aeroporto

  • blog notizie - Linate, pizzo ai senzatetto per dormire in aeroporto

Servizio choc di “Striscia la notizia”. Il tg satirico di Canale 5 ha messo in luce, ieri, una spiacevole situazione all’aeroporto di Linate. Un gruppo di persone dell’Est chiedeva il pizzo ai senzatetto per dormire in aeroporto. Dieci euro al giorno, il prezzo. Venti euro per una coperta. Se non paghi, vieni buttato fuori. Una situazione surreale, segnalata alla polizia aeroportuale.

L’inviato Max Laudadio ha mostrato la situazione: tende da campeggio montate nei terminal, decine di clochard che dormono per terra o sulle panchine d’attesa, avvolti nelle coperte. “Posti letto” che, a quanto pare, hanno il patrocinio di un gruppo di quattro immigrati dell’Est, un uomo e tre donne, che chiedono un pagamento in denaro in cambio del “permesso” di poter dormire lì. Padroni di qualcosa non di loro proprietà, chiedevano 10€ a notte ad ogni persona. Soldi che i senzatetto si procuravano tramite l’elemosina e consegnavano agli strozzini all’esterno dell’aeroporto, sotto loro richiesta, per non essere ripresi dalle telecamere.

Striscia, che ha ripreso i volti dei chiedenti pizzo e li ha consegnati alla polizia, ha mandato due attori complici, finti senzatetto, per capire meglio la situazione. Appena arrivati al terminal, vengono subito avvicinati dall’uomo a capo della “gang”. L’uomo spiega loro le tariffe e le scadenze dei pagamenti. Dieci euro, senza sconti, da pagare ogni giorno “come fanno tutti”. Inoltre, l’organizzazione sceglie dove i due debbano dormire ed “offre” coperte al prezzo di venti euro. Sveglia fissata alle sei di mattina.

Laudadio segue una ragazza del gruppo di estorsori, facendole domande, la quale inveisce contro il giornalista e contro gli italiani. Gli altri membri del gruppo scappano e non si lasciano “braccare”.

A fine servizio interviene la polizia, che, in seguito alla spiegazione dell’inviato, rispondono: “Adesso vediamo”. Laudadio fa notare agli agenti che la situazione prosegue da mesi, ma viene facilmente liquidato.


Tags :