Australian Open, Federer batte Nadal: 18° titolo per lo svizzero

  • blog notizie - Australian Open, Federer batte Nadal: 18° titolo per lo svizzero

Il calcio ha Messi contro Cristiano Ronaldo. Il tennis ha Roger Federer contro Rafa Nadal. Lo svizzero torna ad essere il re degli Australian Open dopo sette anni. Un incontro magico della durata di 3 ore e 37 minuti, terminato per 3 set a 2 con i punteggi di 6-4, 3-6, 6-1, 3-6 e 6-3. Per Federer sono 12 vittorie e 23 sconfitte negli scontri diretti e ottiene il 18° trionfo in un Major.

Quindici mila spettatori sulla Rod Laver Arena. Roger subito in vantaggio nel primo set, poi il pareggio di Nadal. L’1-2 continua, con Federer che ripassa in vantaggio e lo spagnolo che lo raggiunge nuovamente. Il quinto set è quello decisivo e lo svizzero porta a casa il diciottesimo titolo.

A fine match, i due tennisti si dimostrano campioni anche nello stile. Federer dice: “Voglio congratularmi con Nadal per la sua splendida partita, quando ci siamo visti 4-5 mesi fa non avremmo mai pensato di potere essere qui in finale, mi andava bene anche perdere oggi, era già straordinario essere qui. Nel tennis non esiste il pareggio ma oggi lo avrei accettato volentieri. Tutti dicono che lavorano duro, io cerco di non urlarlo, ma ce l’abbiamo fatta tutti insieme, grazie al mio team”.

Nadal ricambia, sorpreso dallo stato di forma dell’avversario: “Congratulazioni a Roger e al suo team. Straordinario giocare così bene dopo tanto tempo, immagino abbia lavorato tantissimo. Personalmente per la prima volta in carriera sono stato un mese intero in Australia, mi sono divertito tanto, il pubblico mi ha sempre incoraggiato qui e questo ha reso tutto indimenticabile. Questo torneo sarà sempre nel mio cuore. Ho avuto momenti difficili e duri con infortuni ed è stata dura non potere competere al meglio, ma ho fatto tanto per essere qui stasera, è stata una bellissima partita e Roger è stato un tantino più bravo di me e ha meritato di vincere. È la terza volta che mi porto a casa il piatto, la coppa è meglio”.


Tags :