Surfista folle nuota verso la lava con un’asta da selfie VDEO

Surfista folle sfida la sorte nuotando verso la lava per scattare un selfie. Quando si dice giocare con il fuoco. Per fortuna è riuscito a sopravvivere ed a raccontare la folle impresa.

Ecco come si è svolta la vicenda

Kawika Singson, un fotografo naturalista, stava riprendendo il grandioso spettacolo naturale. Ad un certo punto nel suo obiettivo si accorge di qualcosa. Qualcosa che non si sarebbe mai aspettato di vedere. Un surfista folle stava nuotando in mare nelle vicinanze di un’enorme colata di lava che proveniva da vulcano Kilauea. Tanto coraggio da parte dell’uomo che nuotava in mare. Forse anche troppo data la pericolositá dell’azione che stava compiendo. Il tutto è accaduto lo scorso Agosto, ma l’icredibile filmato è stato diffuso soltando adesso.

Il surfista folle era davvero in pericolo o in acqua si puó stare al sicuro?

Assolutamente no, ha spiegato il fotografo Singson. Egli conosce molto bene la zona perchè ci vive da quando era piccolo. Ha spiegato peró che nemmeno lui era davvero al sicuro in quel momento, nonostante sapesse come muoversi in quel territorio. Per realizzare quelle foto ed il filmato ha dovuto avvicinarsi un po’ troppo. Non come il surfista folle. Per questo motivo ha consigliato di non seguire assolutamente il suo esempio né tanto meno quello del surfista folle. Quest’ultimo per protegere la propria identitá non ha voluto dichiarare nome e cognome. La sentenza è una, non bisogna assolutamente sfidare la natura.

I commenti dello scienziato Janet Babb

Lo scienziato americano Janet Babb del Geological Survey ha cosí commentato la vicenda. Quando avviene quel fenomeno cosí spettacolare bisogna stare molto attenti. Ha spiegato che si vengono a formare delle schegge di vetro vulcanico. Ció avviene perchè il vapore che si è surriscaldato si lega all’acido cloridrico causato dal contatto con l’acqua del mare. La conclusione è ovvia per tutti, mai lanciarsi in imprese cosí pericolose. Dal video si puó ben osservare come l’intento era quello di scattare una foto da molto vicino. Rischiare la vita per scattare un selfie ricordo? No, grazie!


Tags :