Una casa dinamica e sostenibile che cambia a seconda delle stagioni

Così come mutano le stagioni, anche la Garden House, del designer olandese Caspar Schols, cambia a seconda del clima, delle occasioni e dell’umore. Progettata da un desiderio della madre del designer di avere un suo spazio, dove potesse praticare i suoi hobby, in cui gli spazi interni ed quelli esterni diventassero un’unica cosa.
garden-house-caspar-schols-architecture-dezeen-_dezeen_2364_col_13-852x568

Questa l’idea da cui nasce il progetto ideato da Schols: una casa dinamica prefabbricata dalle pareti scorrevoli in legno e vetro e dal tetto in acciaio. Facendo semplicemente scorrere le pareti lungo i binari, la Garden House acquisisce più spazio, da sei metri in lunghezza arriva persino a 12 metri.

opener-cas-crop-1140x716

© Jorrit’t Hoen

Il designer ha deciso così di lasciare il lavoro per dedicarsi interamente al suo progetto, con un budget di 20mila euro. “Mia mamma apre tutte le finestre e le porte, anche quando fuori ci sono 10 gradi”, racconta il designer. “È un tipo speciale, vuole l’esperienza pura, nessun inganno, nessun lavoro fatto a metà. Ama sperimentare ed è attratta da tutto ciò che non è convenzionale”. Ecco perché ha scelto un design molto flessibile. “Si dovrebbe poter cambiare gli strati della casa quasi con la stessa facilità con la quale si cambia abito”.

garden-house-caspar-schols-architecture-dezeen_col_1-852x568

Costruita vicino a un piccolo lago, la Garden house rappresenta la casa ideale in cui vivere:  quando splende il sole, la temperatura interna raggiunge fino i 24 gradi, mentre in autunno e in primavera, aprendo l’involucro di legno si può beneficiare della vista sulla natura circostante. In estate, tutto lo spazio può essere aperto così da avere una camera da letto sotto il cielo stellato. In questo modo, outdoor e indoor si fondono per un unico spazio, in cui anche l’interior design segue la linea guida del progetto: la libertà di movimento.


Tags :