Daria Bignardi in difesa della Leotta: “L’abito hot lancia un messaggio”

  • blog notizie - Daria Bignardi in difesa della Leotta: “L’abito hot lancia un messaggio”

Daria Bignardi scende in difesa della Leotta e del suo abito sexy a Sanremo 2017.

Diletta Leotta è stata una delle donne più chiacchierate del 2016 e del 2017. Si tratta della sexy giornalista sportiva e conduttrice di Sky Sport.

Come ricordiamo dalle recenti polemice, la Leotta è stata protagonista di un episodio spiacevole. Il suo cellulare è stato hackerato. In esso erano presenti delle sue foto sexy che subito sono state diffuse nel web. Foto video ed audio vari che la ragazza ha definito falsi.

La giornalista di origine siciliana ha partecipato all’ultima edizione del Festival di Sanremo. Parlando proprio del problema del cyber-bullismo che l’ha convolta in prima persona, sono scattati dei commenti poco piacevoli sul suo abito. Abito definito inadatto da Caterina Balivo per trattare questo argomento cosí delicato.

Il commento di Daria Bignardi

In mezzo a tutte le critiche ricevute, Diletta Leotta ha trovato molte persone a suo sostegno. Tra queste un avvocato difensore d’eccezione, Daria Bignardi, conduttrice ed attuale direttrice di Rai 3.

Nella rubrica che Daria Bignardi tiene su Vanity Fair, ha speso belle parole nei suoi riguardi. Ecco come ha difeso la sua scelta di indossare un abito cosí scollato:

“E’ una ragazza solare, che ha dato un buon esempio di come si possa reagire a una violenza come quella che ha subito lei: fotografie private rubate e diffuse in Rete. Diletta Leotta ha reagito e ha denunciato, ma si è presentata a Sanremo per parlare di cyberbullismo vestita come un papavero sexy: corpetto a reggiseno e ampia gonna con spacco alla Belen, rossi con ricami argentati. Una scelta che rafforza il messaggio del non lasciarsi intimidire dai violenti e dagli scorretti.”

Daria Bignardi ha anche giudicato negativamente tutti quelli che hanno criticato pubblicamente Diletta Leotta (un esempio a caso, Caterina Balivo):

“E’ come dire che ti violentano perché avevi la minigonna.”


Tags :