Cosa significa la i di iPhone? Ecco svelato il mistero

  • blog notizie - Cosa significa la i di iPhone? Ecco svelato il mistero

Cosa significa la i di iPhone? – Vi siete mai chiesti perché tutti i rodotti della casa apple iniziano con la lettera i? iMac, iPad, iTunes, iPhone… Dovete sapere che nella casa di Steve Jobs nulla viene dato per scontato. Ecco la risposta.

Cosa significa la i di iPhone?

Per scoprire la risposat bisogna fare un piccolo salto indietro nel tempo. Bisogna arrivare a quando venne lanciato iMac el 1998.

 “iMac deriva dal matrimonio tra l’eccitazione di Internet e la semplicità di Macintosh

Ecco cosa aveva detto il papà della Apple, in quell’occasione.

Noi puntiamo al primo degli utilizzi per cui i consumatori vogliono un computer, e cioè navigare su Internet in modo semplice e veloce“.

“I” significa prima di tutto Internet. Ma anche come affermava Jobs: indipendente, istruire, informare e ispirare“.

Siamo una società di personal computer, e anche se il prodotto è nato per la rete, è anche un bel prodotto autonomo. Pensiamo anche all’istruzione. È perfetto per la maggior parte delle cose che si fanno“.

Ecco svelato il mistero.

Steve Jobs

Steve Jobs è stato il  fondatore di Apple Inc. e ne è stato amministratore delegato fino al 24 agosto 2011. Poi si è dovuto dimettere per motivi di salute (assumendo la carica di presidente del consiglio di amministrazione). È il padre fondatore della società NeXT Computer e fondatore ed amministratore delegato di Pixar Animation Studios prima che venisse acquistata da parte della Walt Disney Company.

È noto per avere introdotto il primo personal computer dotato di mouse (che era chiamato Apple Lisa). Divenuto famoso per i prodotti di successo come Macintosh, iMac, iPod, iPhone e iPad. È stato tra i primi a intuire la potenzialità del mouse e dell’interfaccia grafica basata sull’impiego di icone e di finestre per menù a tendina.

Jobs si è classificato primo tra i 25 uomini d’affari più potenti del mondo per il 2007 da Fortune, e persona dell’anno nel 2010 dal Financial Times.

 


Tags :