Movimento 5 Stelle contro Alessandra Celentano

  • blog notizie - Movimento 5 Stelle contro Alessandra Celentano

Movimento 5 Stelle contro Alessandra Celentano – Non si spegne affatto la polemica attorno ad Alessandra Celentano.  Nell’ultima puntata di Amici la Celentano ha definito l’allieva Vittoria in sovrappeso. Per questo motivo non poteva proseguire la sua carriera nel mondo della danza. Queste parole avevano indignato i telespettarori e si è scatenata una forte polemica.

Movimento 5 Stelle contro Alessandra Celentano

Queste dichiarazioni della Celentano hanno lasciato molto perplesso il Deputato del Movimento 5 Stelle Chimenti.  Quest’ultimo nelle scorse ore ha rivolto una lettera a Maria De Filippi. L’obiettivo? l’esclusione dal programma della nipote del Molleggiato:

Cara Maria, le parole di Alessandra Celentano sono di per sé inaccettabili e vergognose. Ma altrettanto inaccettabile è che tu non abbia preso le difese della ballerina invitando la Celentano ad abbandonare la trasmissione ma al contrario abbia minimizzato. Torna sui tuoi passi e allontana dalla televisione Alessandra Celentano. Prendi le distanze in maniera inequivocabile dalle parole discriminatorie e offensive che una donna di 50 anni si è permessa di rivolgere a una sedicenne. Davanti a milioni di altri ragazzi.

L’Onorevole ha paura che affermazioni di questo genere possano avere delle gravi conseguenze. Queste parole possono spingere molte promesse del ballo ad intraprendere una strada infernale nel loro rapporto con il cibo ma soprattutto con il proprio fisico:

Il tuo programma è stato visto da milioni di ragazzi e ragazze. Che tipo di messaggio ha veicolato? Che una ragazza in realtà perfettamente normopeso non è abbastanza magra per ballare?. Che l’essere in sovrappeso è una condizione ripugnante? Una condizione di cui vergognarsi e su cui versare lacrime di disperazione? Ti ricordo che il 10% delle ragazze tra 12 e 25 anni soffre di anoressia, il 2% in forma molto grave. In totale sono malati di anoressia 3 milioni di italiani (il 90% sono donne).

loading...

Tags :