Preservativi a domicilio, arriva l’App: ecco come funziona

  • blog notizie - Preservativi a domicilio, arriva l’App: ecco come funziona

Preservativi  a domicilio – Ecco l’ultima novitá. Preservativi spediti direttamente a casa tua tramite un’App sul cellulare, senza soffrire piú l’imbarazzo di andarli ad acquistare in farmacia.

Preservativi a domicilio – l’idea

L’App si chiama SexAPPeal e l’idea è di uno studente universitario di medicina. La prima app che consegna preservativi direttamente a casa tua.

L’idea è venuta fuori da una cena con degli amici. Dop aver ordinato una pizza a domicilio, ha pensato che sarebbe stato utile sfruttare lo stesso servizio.

 

Dopo aver frequentato una lezione di virologia, il ragazzo è stato preso da un’illuminazione.

 Durante quella lezione sono stati forniti a noi studenti numeri importanti sulle malattie sessualmente trasmissibili.

Dal momento che la forma di prevenzione più efficace è rappresentata dal preservativo, il ragazzo ha pensato bene che la sua non era affatto una cattiva idea. Il servizio di consegna del prodotto vuole lasciar contento ogni cliente. Vengono offerti una vasta gamma di prodotti di vario colore forme e dimensioni.

Preservativi a domicilio – come funziona l’app

L’acquirente puó farlo recapitare a casa sua in forma del tutto anonima. Non compare infatti né il nome del destinatario né vi sono riferimenti alcuni sul contenuto del pacco.

Quando il cliente effettua l’ordine ai dipendenti arriva una notifica ed il primo che lo accetta fa la consegna. Il tutto avviene in un arco di tempo di circa 20 min.

All’interno dell’app è possibile selezionare anche una delle fasce orarie.

Per adesso l’app è attiva solo a Pavia, ma punta ad espandersi al Nord ed a conquistare tutta l’Italia.

In una giornata tipo sono state registrate circa 30- 40 consegne. Nel momento in cui il sistema informatico è pieno i clienti possono chiamare direttamente il numero telefonico. Un’idea che sta riscuotendo molto successo e che non avrá problemi ad espandersi in tutta Italia e perché no, anche all’estero.

 


Tags :