Introduzione alla ginnastica posturale: vantaggi e benefici (1^ parte)

  • blog notizie - Introduzione alla ginnastica posturale: vantaggi e benefici (1^ parte)

Per praticare in modo corretto la ginnastica posturale sono necessarie specifiche conoscenze di anatomia, ecco perché è sempre bene rivolgersi a terapeuti ad allenatori qualificati che aiutino ad identificare la sintomatologia, per illustrare poi il tipo di esercizi indicato e le modalità di svolgimento.

Anche per coloro che non vogliono seguire un intero corso presso una palestra o un centro, può essere utile comunque svolgere qualche lezione con un trainer per iniziare a percepire il loro corpo nel modo giusto.

ginnastica-posturale

A parte queste piccole differenze la ginnastica posturale segue poi gli stessi principi degli altri tipi di attività fisica, richiede quindi impegno e dedizione, se si vogliono ottenere risultati soddisfacenti.

Naturalmente l’allenamento è più efficace se si combinano più esercizi diversi, che possono essere anche ripetuti più volte, l’importante sarebbe dedicare almeno 15 minuti, magari la mattina appena svegli o la sera prima di andare a letto.

Benefici della ginnastica posturale

La pratica della ginnastica può aiutare a mantenere sani e vitali i muscoli e l’organismo in generale, evitando, o perlomeno rallentando, il naturale processo di indebolimento e retrazione che colpisce i muscoli del corpo umano con il passare degli anni.

È scientificamente dimostrato, infatti, che accanto ai rinomati e sperati benefici estetici, l’attività fisica ha degli effetti positivi sull’organismo che vanno ben oltre l’aspetto estetico: può essere utile per prevenire disturbi al sistema circolatorio, oltre ad essere un ottimo metodo per abbassare il livello di stress.

La particolarità della ginnastica posturale è il suo essere specificatamente mirata a correggere cattive abitudini, posizioni sbagliate che tendiamo ad assumere nella quotidianità (in macchina, al lavoro, perfino mentre si dorme) e che a lungo andare possono provocare visibili squilibri del sistema muscolo scheletrico, provocando nei casi più seri fastidi se non veri dolori.

ginnastica-posturale-780x438

La posturale ha come punto di partenza la presa di coscienza del proprio corpo, il che potrebbe portare a definirla come un tipo di ginnastica più mentale che fisica, a differenza di molte altre attività sportive, infatti, nella ginnastica posturale non è importante il numero di ripetizioni che si fa di un esercizio, ma il modo in cui lo si esegue.

La ginnastica posturale è particolarmente indicata:

1 – per curare disturbi dell’apparato muscolo scheletrico come scoliosi, lordosi, sciatalgie, cervicalgie

2 – per prevenire artrosi ed osteoporosi

3 – ha effetti positivi anche sul sistema nervoso e su quello cardiocircolatorio,

4 – può essere utile infine per combattere stati di ansia e depressione, e riequilibrare il sistema di sonno-veglia in caso di insonnia.

Il fatto che la ginnastica posturale nasca soprattutto come terapia per risolvere alcune patologie non significa che questa non possa essere praticata come semplice attività ricreativa con scopi preventivi più che curativi, il suo successo anche al di fuori del campo medico è stato anzi dimostrato dalla diffusione che questa disciplina ha fatto registrare nelle palestre di fitness di tutta Italia.

ginnastica-posturale-1

5 consigli per una schiena dritta ed un portamento corretto ed elegante

Uno stile di vita sedentario, gli anni che passano, posizioni scorrette compromettono la postura, che fare?

1 – Eliminare cattive abitudini.

2 – Cambiare postura ogni 30 minuti se si svolge un lavoro sedentario.

3 – Mantenere il peso forma.

4 – Svolgere una costate attività fisica

5 – Ed infine svolgere pochi esercizi specifici al giorno.


Tags :