Arrestato in Messico narcotrafficante italiano: latitante da 19 anni

  • blog notizie - Arrestato in Messico narcotrafficante italiano: latitante da 19 anni

Giulio Perrone, 64enne originario di Gragnano, era latitante da 19 anni ed è considerato un esponente di spicco della camorra, la notizia è che è stato trovato ed arrestato nel nord del Messico.

Sull’uomo pendeva l’accusa di traffico internazionale di cocaina. Era stato condannato a 20 anni di reclusione dal tribunale di Napoli; era stato arrestato il 13 gennaio 1993 insieme alla moglie e ad un’altra persona mentre introduceva e trasportava nel territorio italiano oltre 16 Kg di cocaina destinata alla vendita al dettaglio da parte delle famiglie camorristiche committenti.

La droga, poi, trasportata in Italia veniva ceduta a più committenti appartenenti ad importanti e pericolosi cartelli camorristici del napoletano tra cui i clan Mazzarella, Formicola, Polverino, Tolomelli.

Giulio Perrone, nato a Gragnano (Napoli), e di cui si erano perse le tracce già nel 1994, ricercato anche in ambito internazionale, all’epoca dei fatti, era considerato un elemento di spicco di un sodalizio criminale, attivo negli anni Ottanta/Novanta, dedito all’importazione di ingenti quantitativi di droga tipo cocaina dalla Germania.

Una svolta nelle indagini sono arrivate grazie a Facebook grazie al quale è stata scoperta la sua falsa identità, Saverio Garcia Galiero (quest’ultimo vero cognome della madre) con cui viveva a Tampico, nello Stato di Tamapuilas (Messico), roccaforte dei più efferati cartelli narcos messicani, dove si era ricostruito una vita nell’anonimato, con una nuova moglie e figli messicani.

La Procura Generale dello stato centroamericano ha sottolineato che Perrone è uno dei latitanti più ricercati d’Italia. L’uomo è stato consegnato alle autorità italiane per essere estradato.

L’arresto è un successo della strategia, coordinata dalla Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato, finalizzata alla cattura dei latitanti, legati alla criminalità organizzata italiana e che si sono rifugiati da tempo all’estero.

È giunto a Roma a bordo di un volo partito dal Messico ed atterrato all’aeroporto di Fiumicino nella tarda serata di ieri. Dopo la notifica dell’ordine di carcerazione i poliziotti hanno condotto il latitante in carcere dove sconterà la pena.


Tags :