La Scozia indice referendum per l’indipendenza: da Londra un secco No

  • blog notizie - La Scozia indice referendum per l’indipendenza: da Londra un secco No

Gli scozzesi vogliono scegliere l’indipendenza dal Regno Unito e ciò avverrà con un referendum che si terrà tra l’autunno del 2018 e la primavera del 2019.

Ad annunciarlo la premier scozzese Nicola Sturgeon che oggi ha pronunciato un discorso da Bute House, la residenza ufficiale del primo ministro a Edimburgo.

La premier ha rivendicato che se Londra lascerà l’Ue senza indicare che la Scozia vuole una diversa relazione con l’Europa, gli scozzesi devono poter decidere cosa preferiscono.

“La prossima settimana incontrerò le autorità del Parlamento scozzese per concordare con il governo britannico… la procedura che consentirà al Parlamento scozzese di convocare un referendum sull’indipendenza”.

È la seconda volte che gli scozzesi sono chiamati a decidere sull’indipendenza dal Regno Unito una prima volta il 18 settembre 2014. Allora gli unionisti vinsero con il 55,3% dei votanti.

Ma la Sturgeon deve fare i conti con Downing Street che dice no al referendum bis in Scozia. In una nota, il governo di Theresa May afferma che un tale voto causerebbe incertezza e ricorda che la secessione fu respinta nel referendum del 2014 e che la stessa leadership definì quel voto “unico in una generazione”. Il governo May s’impegna peraltro a negoziare ora la Brexit “nell’interesse di tutte le nazioni” del Regno Unito.

Ma la premier scozzese non si arrende: “Domanderò al Parlamento scozzese di autorizzarmi a trovare un accordo con il governo britannico per avviare le procedure».

Nicola Sturgeon ha parlato di un «muro di intransigenza» che il governo di Londra ha eretto contro le istanze presentate da Edimburgo, che aveva proposto una serie di soluzioni per mantenere la Scozia all’interno del mercato unico europeo. «Non è stato possibile fare altrimenti, tanto più che si prospetta una hard Brexit», ha sottolineato Nicola Sturgeon —. La Scozia deve poter scegliere il meglio per il suo futuro».


Tags :