Arriva la primavera: sempre più allergici all’ufficio e al traffico

  • blog notizie - Arriva la primavera: sempre più allergici all’ufficio e al traffico primavera

Arriva la primavera e tornano le allergie. Un’indagine rivela però che le intolleranze più comuni sono il traffico ed il lavoro d’ufficio.

La primavera porta con sé le belle giornate e4 italiani su 10 non sopportano più lo stare bloccati nel traffico o seduti davanti la scrivania.

L’indagine

Groupon ha condotto un sondaggio divertente per analizzare le abitudini degli italiani durante il cambio di stagione. Secondo l’indagine, 2 italiani su 10 cominciano a preferire la bicicletta all’auto, perché lo stare fermi al traffico sembra far venire l’orticaria.

Tra le varie intolleranze, la più fastidiosa sembra essere lo stare in ufficio. L’idea di stare chiusi dentro uno stanza, davanti il nostro computer, mentre fuori c’è il sole, crea un senso di costrizione insopportabile. La primavera è senz’altro il momento in cui tutto fiorisce, ma è anche il periodo della stanchezza cronica.

 

Le soluzioni

La più efficace sembra quella di staccare la spina e disintossicarsi. Un bel ponte o un vacanza per allontanarsi dal lavoro e riprendere l’energia fisica. Il 32% degli italiani, con l’arrivo della primavera avverte il desiderio di una forma fisica e dello sport. Le giornate soleggiate incitano a trascorrere più tempo all’aria aperta. Dal sondaggio è emerso che il 35% a partire dal mese di marzo ne approfitta per fare qualche gita fuori porta. Il 31,5 si concede qualche ora in una spa o chiacchiere all’aperto. Il 13,5% preferisce distendersi in giardino o al parco, mentre il 7,5% si scatena in attività forti come bungee jumping. paracadutismo o rafting.

Il 17 % prova un brivido solo all’idea di cominciare ad alleggerire il vestiario. Canotte e minigonne cominciano a sostituirsi a foulard e cardigan. Solo il 16% manifesta il riacutizzarsi dell’intolleranza alla polvere domestica, per questo le pulizie di casa diventano particolarmente spiacevoli, specie se nessuno può farle al posto nostro.


Tags :