Imparare a cucinare: le tecniche base e i passaggi più elementari

Bollire. Il termine bollire significa scaldare l'acqua finché raggiunge una temperatura che provoca la formazione di bolle e si trasforma in vapore. La temperatura di ebollizione varia in base alla pressione atmosferica, ma di solito è intorno ai 100°C. Bollire i cibi prevede la loro immersione in acqua bollente fino a quando sono cotti. ◦ A immersione è la maniera più delicata di cuocere in acqua; è adatta a prodotti come il pesce e le uova. La temperatura è compresa in un intervallo fra i 60 e i 90 °C. ◦ Sobbollire è la tecnica più usata per cucinare i liquidi ed è utilizzata nella preparazione di salse e spezzatini. È necessaria una temperatura fra gli 87 e i 94 °C. Bollitura lenta. Si usa questo termine per indicare l'acqua che non ha ancora raggiunto il pieno bollore dei 100°C. Le bolle sono un po' più vigorose rispetto a quando l'acqua sobbolle e la temperatura si aggira intorno ai 95 °C.

Saper cucinare è un’arte, una predisposizione, ma c’è una regola basilare: cucinare con amore e con l’umore giusto, o tutto il resto non servirà a nulla.

Vi forniamo alcune semplicissime regole delle basi per imparare a cucinare.


Tags :