Forte esplosione nel nord ovest dell’Inghilterra, 34 feriti accertati

  • blog notizie - Forte esplosione nel nord ovest dell’Inghilterra, 34 feriti accertati

Una violenta esplosione provocata probabilmente da una fuga di gas si è verificata ieri sera in un quartiere della penisola di Wirral, Metropolitan Borough del Meyerside, Inghilterra, Regno Unito, con sede a Wallasey.

Lo scoppio sarebbe avvenuto all’interno di un negozio di mobili e ha coinvolto diverse costruzioni circostanti.

Le cause

La deflagrazione,  ha provocato la distruzione di alcuni edifici, lasciando alcuni residenti bloccati sotto le macerie; i soccorsi parlano di una trentina di persone con lesioni non grave e due con ferite serie, trasportati in ospedale in gravi condizioni, per un totale di 34 feriti.

I residenti della zona riferiscono di aver sentito un enorme scoppio è tutto ha tremato. Uscito in strada hanno visto i palazzi crollare in pezzi.

Inizialmente erano terrorizzati di trattasse di un attacco terroristico. Lo scoppio è stato probabilmente causato da una fuga di gas rilevata all’interno di uno studio di danza chiamato Complete Works, come riferito dal Liverpool Echo e ha coinvolto anche i vicini edifici, provocando il crollo di mattoncini e grossi pezzi di muratura, sparsi ovunque per centinaia di metri.

La situazione

Anche il vicino ristorante cinese ha subito danni importanti in seguito all’esplosione e chi si trovava all’interno è fuggito spaventato o ferito nel vicino pub. Un testimone oculare, ha raccontato: “è stato orribile, alcune persone erano sotto le macerie. La nostra casa ha tremato tutta e poco dopo abbiamo visto un’enorme nuvola di fumo”.

Le forze dell’ordine hanno descritto la situazione come “molto grave”, come è possibile osservare dai video realizzati dai testimoni pochi istanti dopo l’esplosione.

E’ stata aperta una campagna di crowfunding con l’obiettivo di raccogliere 10mila sterline per realizzare un nuovo studio di danza, dato che Complete Works era un luogo per insegnare la danza ad oltre 100 bambini.


Tags :