Corruzione nella sanità, interessata un’azienda sanitaria su quattro

  • blog notizie - Corruzione nella sanità, interessata un’azienda sanitaria su quattro corruzione

In Italia la corruzione è dura, da aggredire. La metà delle ASL non ha messo in pratica il piano nazionale, in 1 struttura su 4 ci sono fenomeni di questo tipo.

Peggio di tutti la Calabria e la Puglia, ma a parte eccezioni è tutto il Sud a cadere sotto i controlli anticorruzione.

I “costi” della corruzione

Nelle tasche di corrotti e corruttori, il 6 per cento dei 113 miliardi del sistema sanitario nazionale, quasi 7 miliardi l’anno che arrivano a 13, se si stimano le inefficienze di sistema che scaturiscono proprio dalla corruzione.

Settori a rischio corruzione

Tra i settori ritenuti a più alto rischio ci sono l’acquisto e la fornitura di beni e servizi, la gestione delle liste d’attesa, l’assunzione di personale, le nomine dei soggetti apicali, le false certificazioni, l’accreditamento delle strutture private, le prescrizioni improprie dei farmaci, la formazione e le consulenze.

Ma anche accordi con le pompe funebri private, favoritismi ai pazienti provenienti dalla libera professione.

L’indagine Censis

Ecco i dati del nuovo rapporto sulla corruzione in sanità coordinato da Transparency International Italia, con Censis.

Le strutture sanitarie che hanno partecipato all’indagine sono state classificate in 4 gruppi. Secondo un indice che valuta la percezione del rischio di corruzione. 24 strutture, pari al 17,6%, di cui ben 16 del Nord, si classificano nella fascia di rischio basso. Sono invece 20 le strutture sanitarie, cioè il 14,7%, che presentano una percezione di rischio alto. Tra queste 9 si trovano al Sud.


Tags :