Financial Times, lista delle migliori aziende europee: le italiane

  • blog notizie - Financial Times, lista delle migliori aziende europee: le italiane

Il Financial Times ha reso nota la lista delle migliori aziende d’Europa. Sono 186 le aziende italiane presenti nella classifica. Si tratta delle migliori aziende d’Europa per crescita assoluta. Il criterio d’analisi è l’incremento di fatturato in punti percentuali realizzato nel quadriennio 2012/2015. Molte quelle italiane citate, ma sconosciute per molti.

La prima in Italia (e la cinquantesima azienda in Europa) è Icont di Pontinia, vicino Latina, specializzata nella produzione di contenitori per alimenti e materie plastiche. O, per semplificare, vaschette usa e getta diffuse in cucina.

Le migliori

1. Icont: nata cinque anni fa, è gestita da una famiglia di coloni di Pordenone che si trasferì in zona nel 1922. È riuscita a far aumentare il fatturato dal 2012 al 2015 del 1.471%, con un tasso annuo di crescita composto del 150%, a undici milioni di euro.

2. Wineemotion, vino e tecnologia: produce dispenser hi-tech per una gestione avanzata del vino al bicchiere. L’azienda registra una crescita dei ricavi del 1.142% tra il 2012 e il 2015. È oggi conosciuta soprattutto all’estero dove realizza il 90% del fatturato. È specializzata nella produzione e vendita di cantinette per il vino.

3. Caffeina, ma non c’entra niente il caffè: un’agenzia digitale creativa fondata da tre ex studenti dell’Università di Parma a fine 2011. Nel 2015 ha chiuso il bilancio con un fatturato da 1,63 milioni: una crescita, rispetto a tre anni prima, del 1.092%. Gestisce la parte social e media di alcune aziende: dal sito internet all’applicazione mobile fino alla comunicazione digital.

4. Afinna One, l’arbitro delle telefonate: è un arbitro del traffico telefonico internazionale con oltre 230 connessioni attive con i maggiori operatori del mondo e con un volume di traffico mensile di oltre 50 milioni di minuti. Nata nel 2010. L’azienda migliora l’efficienza tecnica della telefonata e permettendo alla compagnia che le affida le sue chiamate di avere margini più alti. Anche in Italia è stata premiata da Deloitte come l’azienda a più alto tasso di crescita tra il 2012 e il 2015.

Non solo tecnologia …

5.  Pesci combattenti e famosi: è una casa di produzione televisiva e ha registrato una crescita dei ricavi del 758% con un tasso annuale di crescita composto del 104,8%. Ha creato e imposto format televisivi come Unti & Bisunti (DMAX), la serie con Chef Rubio. E tra le produzioni esecutive vanta «Selfie – Le cose cambiano», il programma condotto da Simona Ventura.

6.  Lapelle d’arredamento: tratta pelle di alta qualità per arredamento. Quest’azienda nata nel 2006 con una produzione tutta basata nel distretto della concia di Arzignano. La crescita del fatturato tra il 2012 e il 2015 è stata del 731%.

7.  Natural Food, la piadina Veg: è la prima azienda italiana in classifica del settore «Food» ed è forse nota ai consumatori vegani. La Natural Food è un’azienda fondata nel 2009 e specializzata nella produzione di sostituti del pane 100% Vegetali, Vegani, Bio, Senza Glutine e Tradizionali con una specifica attenzione ai consumatori colpiti da intolleranze alimentari. Produce snack salati senza glutine, piadine e base per pizza biologiche ma anche prodotti ideali per vegani che quindi non hanno grassi animali, latte, uova, lieviti e soia.
8.  Filoblu: vende sul web marchi come Perla, Liu Jo e Maliparmi. Filoblu parte quasi per sfida a inizio 2010, due soci e due collaboratori. Fino ad arrivare alla classifica del Financial Times, una crescita in quattro anni del 966%, 78 dipendenti e un fatturato di 8,3 milioni di euro.

9.  La Moderna (non troppo) Edilizia: si trova in  Contrada Rondinelle, Matera e si occupa di edilizia. Un’azienda che vende materiali edili, pavimenti e rivestimenti in ceramica, arredo bagno, trasporto e servizio gru, ha poco tempo da perdere (sui social). Crescita nel quadriennio 2012-2015 del 949%.


Tags :