Videogames: possono migliorare le performance scolastiche

  • blog notizie - Videogames: possono migliorare le performance scolastiche

Una ricerca dell’Università di Glasgow dimostra come i videogames aiutino i ragazzi a sviluppare capacità di adattamento e il lavoro di squadra.

È Matthew Barr a condurre l’indagine, per approfondire gli effetti di tale fenomeno. «Ho una figlia di sei anni che gioca moderatamente ai videogame e penso che le faccia bene». Lo dice per sottolineare che ai risultati della sua ultima ricerca crede davvero. Lavora all’Humanities Advanced Technology and Information Institute della University of Glasgow dove ha condotto uno studio coinvolgendo un campione di 40 studenti fra i 16 e i 21 anni per otto settimane. «Li abbiamo divisi in due gruppi –continua Barr- e uno di questi ha giocato per circa due ore a settimana con alcuni videogame. Risultato? La loro capacità di adattamento e di lavorare in squadra è aumentata in maniera molto sensibile».

La ricerca

Il ricercatore scozzese spiega come «In certi frangenti, come l’abilità di collaborare con gli altri, abbiamo notato un amento dell’abilità di superare i test, di comunicare con gli altri e di venire a capo delle difficoltà che è di media doppia rispetto agli altri. Il tutto usando test esatto di Fisher». Si fa fatica a credere che sia potuto davvero accadere semplicemente giocando per un paio di ore a settimana con videogame così diversi come Minecraft, Lara Croft and the Guardian of Light e World of Warcraft III.

«Sono giochi diversi proprio perché si trattava di applicarsi in campi differenti e dunque di sapersi adattare. Per questo li abbiamo scelti, ma in ogni caso una buona parte ha una modalità multiplayer dove è possibile collaborare con altre persone». Barr sostiene che portare i videogames nelle scuole medie e superiori sarebbe un’arma vincente.  «Sceglierei titoli adatti e non violenti, Minecraft e Portal ad esempio, ma li introdurrei di sicuro, basterebbero due ore a settimana».

 


Tags :