Educazione sessuale alle elementari, polemica: testo troppo esplicito

  • blog notizie - Educazione sessuale alle elementari, polemica: testo troppo esplicito

Bufera in una scuola di Modena. Una lezione di educazione sessuale in una classe quinta elementare ha sollevato polemiche tra i genitori. Il testo sottoposto spiega con raffigurazioni chiare l’atto sessuale tra un uomo e una donna. Compreso l’orgasmo maschile e femminile.

Il metodo è stato giudicato dai genitori degli studenti “troppo esplicito” per essere rivolto a bambini di 10 anni.

Le parti esplicite del testo

“Quando una donna e un uomo scoprono di piacersi – si legge nel testo scolastico diffuso sui social – desiderano stare insieme, parlano, giocano, fanno passeggiate e vanno al cinema”. “Si baciano e si accarezzano per tutto il corpo, esprimono con parole affettuose l’amore che provano”, prosegue, prima di spiegare l’orgasmo in maniera approfondita: “Allora il pene dell’uomo diventa grande e duro e la vagina della donna si inumidisce: per tutti e due è molto bello quando la donna fa penetrare il pene rigido dell’uomo nella sua vagina. I due lo fanno muovere avanti e indietro nella vagina e provano un piacere intenso. Sussurrano, ridono felici: sono i rumori che forse qualche volta hai sentito provenire dalla camera di mamma e papà”.

Nel libro frasi e disegni espliciti

Frasi e disegni espliciti sull’atto sessuale tra un uomo e una donna, una lezione sull’orgasmo a bambini di dieci anni che chiama in causa gli stessi genitori: “Sono i rumori che forse qualche volta hai sentito provenire dalla camera di mamma e papà”.

La preside ribadisce che la richiesta è stata condivisa coi genitori nell’assemblea del 26 aprile: “Vista la comparsa di alcuni comportamenti di curiosità mista a malizia in ragazzini che a 11 anni manifestano i primi atteggiamenti tipici della preadolescenza – scrive – era stato esplicitamente richiesto alle maestre di affrontare il discorso in maniera didattica in modo che ogni genitore potesse poi proseguirlo a casa in modo personale”.


Tags :