I Linkin Park aprono un sito in memoria di Chester Bennington

I Linkin Park aprono un sito in memoria di Chester Bennington – Il gruppo dei Linkin Park ha deciso di creare un sito in ricordo del cantante Chester Bennington suicidatosi nei giorni scorsi. L’obiettivo del sito non è solo quello di mantenere viva la memoria del cantante, ma anche, di aiutare tutti coloro che abbiano pensato al suicidio.

SFOGLIA LA GALLERY PER VEDERE LE FOTO

I Linkin Park aprono un sito in memoria di Chester Bennington

Dopo la morte del cantante la Band ha preso la decisione di aprire un sito dedicato alla prevenzione dei suicidi. Il 20 Luglio scorso il cantante si è tolto la vita nella sua stanza da letto lasciando a bocca aperta i suoi colleghi, familiari ed amici. Moltissimi erano i progetti ai quali stava lavorando tra cui anche un imminente tour americano che tra pochi giorni avrebbe avuto inizio.

Sul sito appena nato, chester.linkinpark.com, la band raccoglie numerosissimi messaggi e ricordi dei fan. Frasi, dediche, foto e video dedicati al 41enne. Il tutto raccolto in un unico tag #RIPChester. Come giá anticipato in apertura, il sito, oltre a mantenere vivo il ricordo del cantante, vuole anche aiutare tutti coloro che abbiano mai pensato a togliersi la vita. Vi sono moltissime informazioni per aiutare a prevenire qualsiasi tipo di gesto.

In testa al sito, proprio subito sotto una foto di Chester Bennington, sono ben visibili i numeri dei siti e dei centri antisuicidio. Sono stati messi lí perchè, proprio come specificato nel sito, possano essere utili nel caso qualcuno senta il bisogno di supporto.

Pochi giorni fa, l’annuncio del coroner, ha lasciato tutti senza parole. Il cantante si è tolto la vita impiccadosi, nello stesso modo in cui, qualche mese fa, anche Chris Cornell, suo carissimo amico, si era suicidato. Dopo la scomparsa di quest’ultimo Chester, scrisse una lettera commovente in suo ricordo.

Nel frattempo, Billboard conferma che ben quattro album della band sono risaliti in classifica. Tra gli album piú venduti ci sono “One More Light”, l’ultimo capolavoro, “Hybrid Theory” ed ancora “Meteora” e Minutes to Midnight”.


Tags :