Cosa c’è dentro un sexy shop giapponese [FOTO]

Vagine finte e manga porno: ecco com’è fatto un sexy shop giapponese
I sexy shop non sono uguali in tutto il mondo. Così come il sesso varia da paese a paese. Il magazine “GQ” è andato sino in Giappone per raccontare com’è fatto un sexy shop locale. Niente a che vedere con l’Occidente. Il sexy shop preso in esame dalla giornalista si trova a Tokyo e si estende su sette piani. Il suo nome? Pop Life Department.
VIAGGIO IN UN SEXY SHOP GIAPPONESE
Da fuori il Pop Life Department sembra un negozio di fumetti. Merito delle immagini manga che rivestono la facciata. Una volta dentro, si entra in un’altra dimensione. Al piano terra c’è un’ampia scelta di film porno. Peccato che le scene più hard siano pixellate. Tutta colpa delle rigide leggi nipponiche. Vedrete quindi tutto, tranne genitali e peli pubici. Il primo piano è il paradiso per gli amanti dei sex toys. I tenga, ovvero dei tubi in cui infilare il pene con lo scopo di masturbarsi, vanno per la maggiore. Grande successo hanno anche per le vagine finte in silicone. Al terzo piano trovano spazio i gadget a luci rosse indicati per gli uomini, tra cui i massaggiatori prostatici e le boccette di profumo a base di umori vaginali. Chi è in cerca di preservativi di qualsiasi misura (dai 46 mm per i superdotati alla media giapponese di 31 mm) potrà recarsi al quarto piano. Sempre al quarto piano, si trovano vari strumenti del piacere ideali per gli amanti del BDSM. Salendo ai piani alti, è possibile acquistare i costumi delle eroine dei manga e delle anime che tanto agitano i sonni degli uomini giapponesi.