Quanto guadagnano preti, vescovi e il Papa? Gli stipendi [FOTO]

Soldi e Chiesa. Vi siete mai chiesti quando guadagnano i preti, gli arcivescovi e il Papa? La risposta arriva da un’inchiesta de “Il Messaggero”.
“Il mensile dei sacerdoti – si legge sul quotidiano – è calcolato allo stesso modo di quello di un vescovo. Il meccanismo si basa su una specie di punteggio che corrisponde più o meno all’anzianità. Ai parroci con maggiore esperienza vengono erogati fino a 1200 euro. Mentre ai vescovi vengono dati fino a 3000 euro circa. Se per caso un prete è anche insegnante di religione, allora l’Istituto versa solo la quota che manca a raggiungere il tetto stabilito dall’anzianità. Se invece il prete supera la quota, allora l’Istituto funziona come sostituto di imposta, quindi il sacerdote dovrà versare la relativa somma maturata“.
Poi ci sono i cardinali (5000 euro), gli arcivescovi e capi di dicastero o di pontifici consigli (3000-4000) che figurano sul libro paga del Vaticano. Per pagarli si attinge ad un fondo acceso dal Clero presso l’Inps. Ad usufruire di una pensione erogata direttamente dallo Stato è l’Ordinario Militare che incassa 4000 euro. Tanto quanto un generale di corpo d’armata comprensivo di vitalizio.
LO STIPENDIO DEI PAPI
“Per Joseph Ratzinger – si legge su “Il Messaggero” – si stabilì una rendita di 2500 euro, poco più di uno stipendio di un funzionario. Cifra che, volendo, può essere integrata dai diritti dei tanti libri che ha pubblicato come teologo. La stessa cifra ha alimentato anche una fondazione che sostiene gli studi teologici. Francesco, invece, non riceve nessuno stipendio. Ma ha la facoltà di attingere liberamente all’Obolo di San Pietro, un fondo istituito presso lo Ior che raccoglie le donazioni in arrivo nella data del 29 giugno, solennità di San Pietro e Paolo. Con lo scopo di sponsorizzare tutti i progetti benefici a lui più cari, circa 65 milioni di dollari nel 2012“.


Tags :