Donna salvata dall’estetista: la riga nera sotto l’unghia è melanoma

  • blog notizie - Donna salvata dall’estetista: la riga nera sotto l’unghia è melanoma

Una donna inglese dovrà ringraziare a vita la sua estetista. La protagonista di questa storie si è recata in da un’estetista per la manicure chiedendole di usare uno smalto scuro per coprire quell’antiestetica striscia verticale nera che le attraversava l’unghia della mano, ma Jean Skinner si è preoccupata, perché ha capito che l’insolita macchia era in realtà qualcosa di assai più pericoloso. Ovvero, un cancro.

Così ha consigliato alla donna di rivolgersi immediatamente ad un medico e la diagnosi è stata pesante: melanoma subungueale in fase avanzata, già diffuso ai linfonodi.

La storia trapelata da Facebook

A raccontarlo è stata la stessa Skinner sulla pagina Facebook del gruppo di Uckfield, dove l’estetista vive e lavora e, sebbene la storia non sia stata ancora confermata, il messaggio è già stato condiviso oltre un migliaio di volte, ottenendo più di 2.600 reazioni, nonché l’attenzione dei media di tutto il mondo.

«Un paio di settimane fa è venuta una cliente a farsi fare una manicure – si legge nel messaggio pubblicato online – e non appena si è seduta, mi ha detto di volere uno smalto così scuro da coprire la striscia nera verticale che le attraversava l’unghia e che in altri saloni le avevano diagnosticato come mancanza di calcio, problema ereditario o un ematoma. In realtà questo è un melanoma! Non volendo spaventarla, le ho suggerito di vedere subito un dottore e oggi la cliente mi ha chiamata per dirmi che le hanno trovato una forma molto aggressiva di melanoma, che si è già diffuso ai linfonodi e la cui prognosi non è affatto buona».

“Anche se molto probabilmente i cambiamenti o gli strani segni che possono comparire sulle vostre unghie non sono nulla di cui preoccuparsi – ha scritto l’estetista -, bisogna sempre prestarci attenzione. Tenete d’occhio le dita dei vostri cari più anziani e di quelli che non sono in grado di notare certi tipi di cambiamenti. La diagnosi precoce può fare la differenza”.


Tags :