Incendio in una scuola in Malesia, 24 morti tra studenti e insegnanti

  • blog notizie - Incendio in una scuola in Malesia, 24 morti tra studenti e insegnanti

Tragedia in Malesia nei pressi della capitale Kuala Lumpur. Un incendio è scoppiato in una scuola musulmana: e il bilancio è molto pesante: 24 morti e 4 feriti, quasi tutti studenti. Sono riusciti a salvarsi 12 studenti e 2 docenti, mentre altri 22 ragazzi di età compresa tra 13 e 17, e due insegnanti, sono morti nel rogo scoppiato in una scuola a nord-est di Kuala Lumpur. Le fiamme si sono sviluppate sulla porta di ingresso del college, e questo ha impedito a molte persone di fuggire.

Corpi completamente carbonizzati

Il direttore della polizia di Kuala Lumpur, Amar Singh, ha dichiarato che “i corpi sono stati completamente bruciati”. “Purtroppo, c’era un solo ingresso, quindi non potevano scappare. Tutti i corpi sono stati scoperti ammassati l’uno sull’altro”, ha aggiunto. “Penso si tratti di uno dei peggiori drammi nel Paese degli ultimi 20 anni. Stiamo indagando sulle cause dell’incendio”, che al momento restano ignote, ha commentato il direttore del Centro per gli incendi e i soccorsi di Kuala Lumpur, Khirudin Drahman.

Il rogo ha distrutto la scuola islamica Tahfiz Darul Quran Ittifaqiyah, situata nel distretto principale di Datuk Keramat, a maggioranza malese.  L’incendio è scoppiato poco prima dell’alba, secondo un ufficiale dei servizi antincendio. le persone all’interno sono rimaste intrappolate da un muro “che non avrebbe dovuto essere lì” e che ha bloccato una delle due uscite d’emergenza, ha spiegato. I vigili del fuoco sono arrivati sul luogo del rogo in pochi minuti, ma per le 25 vittime non c’è stato nulla da fare.

 

Ci sono feriti

Singh ha aggiunto che altri 14 studenti e altri quattro insegnanti sono stati salvati dal rogo, e sei di loro sono ora ricoverati in ospedale in condizioni critiche. «Crediamo che siano morti per soffocamento, i corpi erano completamente carbonizzati» ha detto Singh. Quanto alle cause, Saithalimat ha detto che si pensa ad un corto circuito.


Tags :