Francesco Totti dirigente Roma, Ilary: “Sta benissimo in giacca e cravatta”

Francesco Totti dirigente Roma, Ilary: “Sta benissimo in giacca e cravatta” – Ilary Blasi sará ospite questo pomeriggio a Verissimo. Parlerá della sua nova vita e del marito, Francesco Totti e del suo nuovo incarico da dirigente.

SFOGLIA LA GALLERY PER VEDERE LE FOTO

Francesco Totti dirigente Roma, Ilary: “Sta benissimo in giacca e cravatta”

Per l’ex capitano della Roma si è trattato della prima estate senza ritiro con la squadra. Una vacanza trascorsa interamente con la propria famiglia. Ilary Blasi, ai microfoni di Silvia Toffanin ha cosí dichiarato:

“Devo dire che Francesco si è creato il suo spazio, pensavo peggio! Abbiamo trovato la nostra dimensione perché lui si organizzava le sue partite di beach volley e di paddle, quindi aveva il suo da fare”.

Per Francesco Totti è iniziata una nuova avventura alla Roma. L’ex campione, con un look totalmente diverso, ha iniziato un lavoro dirigenziale. Ilary non ha dubbi sul suo nuovo lavoro e look:

Sta benissimo in giacca e cravatta. Meglio no? Meglio così. Mi devo un po’ abituare, nel senso che è tutto nuovo per tutti, però non mi dispiace. Mi sembra che vada tutto bene”.

Sivlia Toffanin a quel punto chiede se sia difficile stare accanto ad un uomo quando vive un cambiamento cosí radicale.

“Più che altro per lui può essere difficile. La vita è fatta di cicli. Sicuramente era una fase della vita che si doveva chiudere. Dolorosa perché quasi da quando è nato Francesco ha fatto sempre e solo questo. Era tutta la sua vita. Ma devi mettere un punto. Lo sai da sempre che questo punto arriverà, ma finché non ci arrivi e non lo vivi chiaramente non lo sai. Per un attimo devi ritrovare un equilibrio. Noi che gli siamo vicini abbiamo cercato di dargli conforto, ma l’equilibrio doveva trovarlo lui.”

Era il 28 Maggio scorso quando Francesco Totti giocó la sua ultima partita con la Roma. Parlando di quel giorno ecco Ilary cosa confessa:

“Francesco ha insistito perché facessi il giro dello stadio insieme a lui, anche se io avrei preferito lo facesse da solo, perché era il suo momento e io volevo godermelo con gli altri. E’ stato bello perché per la prima volta si è messo proprio a nudo. E’ stato un momento forte. E’ vero, non ho pianto, ma volevo essergli di sostegno, il suo punto fermo.”

[Fonte Blogo]


Tags :