Dalai Lama in Sicilia: 3 giorni di incontri tra Taormina e Palermo

  • blog notizie - Dalai Lama in Sicilia: 3 giorni di incontri tra Taormina e Palermo

Il Dalai Lama è atterrato ieri mattina all’aeroporto di Catania con un volo privato, per una visita che si protrarrà fino a lunedì. Ad accoglierlo Renato Accorinti ed Enzo Bianco, e l’amministratore delegato della SAC, Nico Torrisi. Tenzin Gyatso, 82 anni, massima autorità spirituale del Buddismo, è il quattordicesimo Dalai Lama, riconosciuto come reincarnazione del suo predecessore.

Gli incontri previsti

Il tour di visite e incontri di Tenzin Gyatso, leader spirituale del Tibet e Premio Nobel per La Pace nel 1989, inizia oggi al Teatro Antico di Taormina, dove si svolgerà il primo degli incontri in programma sul tema dell’Educazione alla gioia. Domani sarà al Teatro Vittorio Emanuele di Messina per due conferenze, una al mattino l’altra al pomeriggio, mentre lunedì terrà concluderà questo ciclo di incontri in Sicilia al Teatro Massimo di Palermo. In seguito il Dalai Lama andrà in Toscana. In Italia rimarrà fino al 21 settembre.

Un “mala” di pietre dell’Etna al Dalai Lama

“Ho portato il saluto della città a sua santità il Dalai Lama, atterrato a Catania e che sarà nei prossimi giorni a Taormina e a Messina. Ho espresso al Dalai Lama la gratitudine profonda della città etnea per il suo alto magistero non solo religioso ma anche morale e per le parole che sempre pronuncia in favore della pace, dell’accoglienza, della fratellanza tra gli uomini e le donne del mondo”.  A dichiararlo il sindaco di Catania, Enzo Bianco, che a consegnato a Sua Santità un ‘mala’ buddista, una collana in grani utilizzata per la recitazione di formule rituali, realizzato con le pietre dell’Etna.

La polemica sulla fascia tricolore

L’arrivo del Dalai Lama, tuttavia, ha fatto nascere da subito delle polemiche, come quella legata alla consegna della fascia tricolore da parte del sindaco di Messina, Renato Accorinti”. Accorinti confonde la fascia tricolore con la sciarpa di una squadra di calcio. Non lo poteva e non lo doveva fare”, commenta su facebook Giovanni Ardizzone, presidente dell’Ars e parlamentare regionale.


Tags :