Arrivano i biglietti aerei senza nominativo per i passeggeri Wizz Air

  • blog notizie - Arrivano i biglietti aerei senza nominativo per i passeggeri Wizz Air

Un solo nome obbligatorio per 10 biglietti prenotati da un singolo viaggiatore di Wizz Air. Fino al check-in si avrà il tempo di scegliere i compagni di viaggio. Le compagnie aeree, anche le low cost “spinte” che somigliano sempre di più a pullman di linea, non permettono prenotazioni senza il nominativo del viaggiatore. Un problema non da poco se si decide di volare per un week end o per andare in vacanza con amici o parenti. Visto che per spuntare tariffe davvero basse occorre prenotare con largo anticipo, può capitare che uno o più compagni di viaggio cambino improvvisamente idea e i costi salgono, se va bene, o, al peggio, si getta al vento il biglietto.

La comodità dell’assenza di nominativo

La compagnia low-cost Wizz Air, ormai “regina dei cieli” dell’Europa centro e orientale, è pronta a sperimentare i biglietti privi del nominativo. Il viaggiatore, infatti, qualora ne avesse necessità, può prenotare fino a 9 biglietti “in bianco”, da aggiungere al proprio, nei quali il nome dei passeggeri comparirà solo al momento del check in. E cioè niente nomi, a parte chi prenota, fino al momento del check-in.

Una innovazione che permetterà, anche in caso di fidanzamenti rotti in prossimità dell’estate o per improvvise indisposizioni dei passeggeri, di cambiare passeggero. Il costo non è proibitivo: 10 euro per “cambiare cavallo” al volo, fino a poche ore prima del ingresso in aeroporto.

Poiché il contrattempo è sempre dietro l’angolo, la compagnia ungherese assicurerà la possibilità di cambiare nome, al prezzo però di 10 euro, anche poco prima di decollare, nonostante il check – in online fosse già stato inoltrato.

La compagnia

Wizz Air è la più grande compagnia aerea a basso costo dell’Europa Centrale e Orientale, opera con una flotta di 85 aeromobili Airbus A320 e A321 e offre oltre 550 rotte da 28 basi, che collegano 142 destinazioni attraverso 43 Paesi


Tags :