Cesare Battisti fermato al confine tra Brasile e Bolivia: stava fuggendo

  • blog notizie - Cesare Battisti fermato al confine tra Brasile e Bolivia: stava fuggendo cesare battisti

Cesare Battisti, l’ex terrorista delle Br è stato fermato al confine tra Brasile e Bolivia dove si ritiene si stesse rifugiando. Portava con se po’ di soldi, visto che le cose per lui in Brasile si stavano mettendo male.

Al momento l’ex terrorista dei Pac è in stato di fermo della polizia brasiliana con l’accusa di «contrabbando di valuta». Gli viene imputato soltanto un reato di tipo amministrativo, non tale quindi da consentire una detenzione superiore a poche ore. Fino a tarda sera Battisti è stato interrogato nel locale commissariato, anche su indicazione delle autorità federali di Brasilia.

Libero cittadino in Brasile

In Brasile Battisti è da tempo libero cittadino e non gli è certo vietato recarsi all’estero. Ma il vasto fronte che qui – oltre che in Italia – crede ancora alla sua estradizione si augura che possa essere trattenuto in detenzione, almeno fino alla prossima decisione dei brasiliani sul suo destino.

Non è ancora chiaro se il controllo sia avvenuto per caso (prima in un distributore di benzina, poi l’auto di Battisti è stata seguita fino al confine con la Bolivia) o se il fuggitivo era pedinato.

Aveva in tasca 5.000 dollari e 2.000 euro, oltre il limite di esportazione di valuta consentito (10.000 reais brasiliani). L’unica certezza è che Battisti voleva cambiare aria, spostandosi in un Paese dove forse avrebbe qualche chance in più di evitare l’estradizione in Italia.

In Bolivia c’è un governo di sinistra, quello di Evo Morales, ma è anche vero che non esistono episodi recenti che indicano una sua politica di difesa di latitanti italiani (decenni fa, invece, il Paese andino era rifugio di terroristi neri).

Il timore dell’estradizione

Forse Battisti ha agito dopo aver appreso dai giornali le notizie di una ripresa seria delle pressioni diplomatiche italiane. Le cose nell’ultimo anno sono cambiate, e stavolta a sfavore di Battisti. Dopo 14 anni di governi di sinistra, in Brasile governa Michel Temer, succeduto a Dilma Rousseff lo scorso anno con un polemico processo di impeachment. Se già la sinistra brasiliana negli ultimi anni era apparsa divisa sulla poca giustificabile protezione offerta all’italiano, la destra oggi al potere ha pochi dubbi: l’asilo a Battisti non ha più senso.

Negli ultimi mesi i governi Renzi e Gentiloni si sono mossi, tramite l’ambasciatore a Brasilia Antonio Bernardini. Con la dovuta discrezione, sulla scrivania di Temer è arrivata nei mesi scorsi la richiesta di annullare la decisione presa all’epoca da Lula.

Dal punto di vista giuridico, insiste l’Italia, la richiesta di estradizione era stata accettata all’epoca dal Tribunale supremo. Non consegnarlo poi, e garantirgli il soggiorno in Brasile, è stata soltanto una scelta politica che può essere rivista.

La domanda italiana è già passata al vaglio di due ministeri (Esteri e Giustizia), i quali non hanno trovato nulla da eccepire nel merito, così come ai consiglieri giuridici della presidenza della Repubblica.

Dall’Italia è subito arrivata la richiesta di una immediata consegna al nostro Paese: l’hanno avanzata tra gli altri il leader del Pd, Matteo Renzi, quella di FdI, Giorgia Meloni, leader di FdI, e gli esponenti di Forza Italia, Mara Carfagna e Marco Marin.


Tags :