Istruttore di karate arrestato: violentava allieve quasi tutte minorenni

  • blog notizie - Istruttore di karate arrestato: violentava allieve quasi tutte minorenni istruttore

Un istruttore di karate di Lonato del Garda, nel Bresciano è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale su minori. Si tratta del 43enne Carmelo Cipriano, accusato, oltre che di violenza sessuale di gruppo anche di prostituzione minorile, atti sessuali con minori e detenzione di materiale pedopornografico. I carabinieri lo hanno arrestato nella sua casa di Lonato del Garda che divide con moglie e figli.

Rapporti nello stanzino della palestra tra istruttore e allieve

Proprietario della palestra Asd Askl, l’uomo avrebbe costretto dal 2008 al 2017 alcune giovani allieve, tutte minorenni, a consumare rapporti sessuali con lui e anche con altri adulti. Gli abusi avvenivano soprattutto in uno stanzino della struttura sportiva.

Le indagini sono scattate grazie alla denuncia du una ragazza  che all’epoca dei primi rapporti aveva appena 12 anni. Altre tre persone, tutte maggiorenni, sono indagate a piede libero.

Sei le ragazze, tutte minorenni all’epoca degli abusi. Le piccole venivano plagiate e cadevano in trappola: diventavano le sue fidanzate. Con una di loro gli investigatori hanno contato ben 71.894 messaggi Whatsapp.

«Sono ancora innamorata di lui – ha raccontato agli inquirenti una delle allieve – i miei genitori mi hanno però vietato di vederlo». Le violenze contestate a Cipriano, e agli altri tre indagati, sarebbero iniziate nel settembre 2008 per concludersi solo alla fine dell’estate 2016.

Per gli inquirenti però Cipriano avrebbe iniziato molto prima ad avere attenzioni morbose nei confronti delle sue giovanissime allieve. Una di loro, oggi maggiorenne, ha raccontato di avere iniziato a frequentarlo già nel 2003.

Per lui si sono così aperte le porte del carcere di Brescia che potrebbe lasciare nei prossimi giorni (potrebbe essere trasferito in quello di Pavia) dal momento che manca una sezione “protetti” per chi commette abusi sessuali sui soggetti più deboli. Sotto sequestro sono finiti anche i suoi pc, tablet e telefonini (c’erano 75 mila messaggi).


Tags :