Castagnaccio, la tradizione italiana resta viva più che mai

  • blog notizie - Castagnaccio, la tradizione italiana resta viva più che mai castagnaccio

Il castagnaccio, o baldino o pattona, è un dolce toscano preparato con la farina di castagne e con uvetta, pinoli, noci e rosmarino. Poiché la castagna, elemento principe del castagnaccio, è molto diffusa, è difficile stabilire quale sia veramente la patria di questo dessert anche perché ogni regione ne propone una sua versione buona quanto tutte le altre.

Ingredienti per il castagnaccio:

  • Farina di castagne 500 g
  • Acqua 650 g
  • Gherigli di noci 100 g
  • Pinoli 100 g
  • Uvetta 80 g
  • Rosmarino 1 rametto
  • Sale fino 5 g
  • Olio extravergine d’oliva 40 g

Preparazione

  1. Per prima cosa lavate l’uvetta sotto acqua fresca corrente e poi mettetela in ammollo per 10 minuti in una ciotola con acqua fredda per farla reidratare.
  2. Con un coltello tritate grossolanamente i gherigli delle noci e poi sfogliate il rosmarino.
  3. Setacciate la farina di castagne in una ciotola capiente e aggiungete i 650 g di acqua poco alla volta mescolando con una frusta. Quando avrete ottenuto un composto liscio e omogeneo, aggiungete le noci tritate e i pinoli interi, avendo cura di tenerne da parte una piccola quantità che vi servirà successivamente per cospargere la superficie del castagnaccio prima di infornarlo.
  4. Dopo 10 minuti, strizzate e asciugate l’uvetta, quindi aggiungetela all’impasto, avanzandone sempre un piccola quantità. Mescolate bene il composto e infine aggiungete il sale.
  5. A questo punto oliate una tortiera bassa tonda del diametro di 32 cm e versate l’impasto livellandolo con l’aiuto di una spatola.
  6. Cospargete la superficie del castagnaccio con i pinoli, le noci e l’uvetta che avete tenuto da parte, distribuendoli in maniera uniforme.
  7. Infine aggiungete anche gli aghi di rosmarino, un filo d’olio e fate cuocere in forno statico preriscaldato a 195° per 35 minuti (o in forno ventilato a 175° per 25 minuti). Quando sulla superficie si sarà formata una crosticina con delle crepe e la frutta secca avrà preso un bel colore dorato, sfornate e lasciate raffreddare.

Consigli

Come tutti i piatti di tradizione, anche il castagnaccio ha un’antica ricetta alla quale rifarsi, la quale sostiene che due sono i fondamentali del castagnaccio: la teglia bassa (possibilmente di rame stagnato), e la farina, che dovrebbe essere quella dolce.

Buon Appetito!


Tags :