Alfano a Palermo: “La cultura è la nostra arma contro il terrorismo”

  • blog notizie - Alfano a Palermo: “La cultura è la nostra arma contro il terrorismo” Alfano

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha presentato a Palermo “Italia, Culture, Mediterraneo”, programma culturale che la Farnesina realizzerà nel 2018 nei Paesi dell’area del Medio Oriente e del Nord Africa (Mena).

Presenti al tavolo insieme al ministro,  il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il Ministro degli Affari Esteri della Repubblica Tunisina, Khemaies Jhinaoui.

La Conferenza Mediterranea dell’OSCE  che si è inaugurata presso la sala gialla di palazzo dei Normanni, coinvolgerà più di 30 rappresentanti di governo, ministri, viceministri, sottosegretari e quasi 300 delegati. Presenti anche i sei paesi partner, Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Marocco e Tunisia, per discutere dei flussi di migranti e rifugiati nella regione Euro Mediterranea.

Puntare su dialogo e cooperazione con i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo

“Uno dei nostri obiettivi – esordisce Alfano –  è rendere più intenso il dialogo con la sponda sud del mediterraneo e coinvolgere i Paesi interessati su sfide comuni quali la lotta al terrorismo e alla crisi migratoria”.

“In questo percorso la Tunisia sarà un nostro interlocutore privilegiato e imprescindibile che a nostro avviso vanta una leadership lungimirante e coraggiosa che ha messo in campo riforme di portata storica strappando così il pese alla guerra civile”.

whatsapp-image-2017-10-23-at-11-07-27

Il ruolo centrale della città di Palermo

“Abbiamo scelto Palermo perché pensiamo non ci sia location più adatta – continua Alfano – una città che sarà la capitale cultura del mediterraneo per il 2018 e che vanta una declinazione culturale, non estranea ma cruciale alla dimensione della sicurezza. Ritengo che non ci possano essere stabilità, sicurezza e pace senza valori condivisi e rispetto della cultura del vicino.

“Palermo è una città aperta, inclusiva, disponibile al dialogo e incline alla comprensione dell’altro. Questo spirito ispira la nostra strategia sul mediterraneo”.

Il ruolo centrale della cultura nella lotta al terrorismo

“L’investimento in cultura è fondamentale per ridurre quella pericolosa faglia che si è aperta nel Mediterraneo in cui hanno proliferato, la violenza l’estremismo violento e il terrorismo. Vogliamo arginare questa frattura con una serie di valori condivisi”.

“Investire in cultura e nei giovani è questo che vogliamo fare con il nostro programma; arte e cultura sono le fortezze che ci difendono dal pensiero retrogrado”.

“L’evento di oggi è culturale ma anche politico, intendiamo infatti valorizzare il ruolo della cultura per sviluppare un’identità mediterranea che sia rispettosa della multiformità della società che promuova la diversità e favorisca così le condizioni di sicurezza nell’area mediterranea”.

Il progetto Erasmus-med

“Vorrei che qui a Palermo nascesse l’embrione di un progetto, un Erasmus del mediterraneo – conclude il ministro – non credo che essere siciliano, italiano, mediterraneo ed europeo siano concetti in contraddizione. Dobbiamo mettere carburante culturale all’identità Mediterraneo”.

Nella successiva sessione politica i Ministri partecipanti e gli altri delegati di alto livello si confronteranno sui progressi della sicurezza e della cooperazione nel Mediterraneo in un momento storico di vasti movimenti di migranti e rifugiati, discutendo delle questioni correlate alla sicurezza stessa.


Tags :