iPhone pieghevole, l’ultima idea della Apple: depositato il brevetto

  • blog notizie - iPhone pieghevole, l’ultima idea della Apple: depositato il brevetto iPhone pieghevole

iPhone pieghevole. L’ultimo brevetto presentato da Apple è la prova che l’azienda sta lavorando per creare iPhone pieghevoli.

 iPhone pieghevole: corsa contro il tempo e l’avanzamento dei concorrenti Samsung e Huawei

La domanda è stata depositata il 23 novembre, e riporta la descrizione di un dispositivo elettronico con un display e scocca flessibili, a cui Apple sta lavorando per rinnovare il proprio prodotto di punta, e fronteggiare l’avanzamento in ricerca dello storico rivale coreano Samsung, e della cinese Huawei.  Il brevetto è in fase di approvazione.

Apple dovrebbe applicare la nuova tecnologia a qualsiasi dei suoi prodotti: è molto probabile che inizi dallo smartphone. La Apple ha già allargato la sua idea: sembrerebbe che non realizzerà solo un iPhone pieghevole, ma questa novità potrebbe essere installata anche su altri dispositivi quali ad esempio laptop, tablet, wristwatch, come si può leggere su internet.

Sui tempi di realizzazione e commercializzazione non c’è nulla di certo, tranne che non potrà mai esser pronto entro il 2018. Probabilmente lo smartphone pieghevole della Mela vedrà la luce nel 2019, o 2020.

I concorrenti ci stanno lavorando da un po’

Samsung e Huawei ci stanno lavorando da un po’, e i cinesi di ZTE hanno da poco lanciato un modello che non si flette, ma si piega essendo composto da due moduli rigidi collegati da una cerniera.

Intanto l’iPhone X continua a volare, e garantirà ad Apple numeri da record per il trimestre fiscale che si concluderà a dicembre. Buone notizie che mettono le ali ai titoli in Borsa di Cupertino, che hanno raggiunto nuovi record, con un aumento del 3,5% a 174 dollari per azione.

Solo poche settimane fa è uscito iPhone X, considerato da molti il numero 1 degli smartphone attualmente in circolazione. Mai paga dei suoi successi ora Apple punta subito a contrastare l’idea di Samsung per non perdere terreno. Il campo degli smartphone però non dovrebbe essere l’unico preso in esame dalla società statunitense.


Tags :