Immigrato assolto da omicidio in Usa, Trump :”Verdetto scandaloso”

  • blog notizie - Immigrato assolto da omicidio in Usa, Trump :”Verdetto scandaloso” Immigrato assolto

Immigrato assolto. Un immigrato messicano è stato assolto Una giuria di San Francisco  perchè ritenuto non colpevole per la morte di Kathryn Steinle, 32 anni, uccisa da un proiettile mentre camminava su un molo cittadino nel luglio 2015. José Inés Garcìa Zarate (45 anni) è colpevole non dell’assalto ma solo del possesso dell’arma, con cui ha sostenuto di aver sparato per errore. Oa rischia da 16 mesi a tre anni.

Immigrato assolto: l’ira di Trump

«Un verdetto scandaloso nel caso di Kate Steinle! Nessuno stupore se la gente del nostro Paese è così arrabbiata per l’immigrazione illegale» questo il tweet del presidente americano Donald Trump.

Trump aveva cavalcato il caso in campagna elettorale per sostenere la linea dura anti immigrati. La morte della donna suscitò un aspro dibattito sull’opportunità di trattare più severamente gli immigrati senza status legale, come Zarate, e sul ruolo delle forze dell’ordine locali.

Zarate era un senza tetto al momento della sparatoria e aveva alle spalle varie condanne. Era stato scarcerato solo pochi mesi prima della tragedia, ignorando una richiesta delle autorità federali per l’immigrazione, che avevano chiesto di prolungare la detenzione per poterlo espatriare di nuovo. Ma San Francisco è una delle tante città santuario americane e tutela gli illegali, anche sfidando le autorità federali.

«Siamo scioccati e amareggiati, è stata resa giustizia, ma non è stata servita», ha commentato il padre della vittima. Reazioni indignate particolarmente nel mondo di destra. Ha preso posizione anche l’attorney general Jeff Sessions, un paladino del pugno duro sull’immigrazione che ha tentato anche di togliere i fondi federali alle città santuario: «la decisione di San Francisco di proteggere i criminali stranieri ha portato alla evitabile e straziante morte di Kate Steinle. Invito i leader delle comunità della nazione a riflettere sull’esito di questo caso e di considerare attentamente il danno che stanno facendo ai loro cittadini rifiutando di cooperare con le forze dell’ordine federali».


Tags :