Trump trasferisce ambasciata a Gerusalemme: tensioni e massima allerta

  • blog notizie - Trump trasferisce ambasciata a Gerusalemme: tensioni e massima allerta Trump trasferisce ambasciata

Trump trasferisce ambasciata a Gerusalemme. Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump riconoscerà Gerusalemme quale capitale di Israele, la decisione, precisano fonti vicine al presidente, sono frutto di una promessa avanzata da tempo e che Trump insiste vada mantenuta.

Il trasferimento dell’ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme, che non avverrà però nell’immediato, ma negli anni. Di sicuro per i prossimi sei mesi almeno la sede diplomatica resterà ancora a Tel Aviv, per disposizione dello stesso presidente.

Trump trasferisce ambasciata a Gerusalemme: si temono dure reazioni

C’è preoccupazione e tensione. Paura che quell’equilibrio tanto precario costruito in anni di trattati e tentativi di pace possa traballare e in un soffio frantumarsi. «Il presidente Abbas (Abu Mazen) – sottolinea il portavoce – ha avvertito Trump delle pericolose conseguenze che una simile decisione potrebbe avere sul processo di pace e sulla sicurezza e stabilità della regione e del mondo».

Vladimir Putin, ha telefonato al presidente palestinese per dirgli che Mosca sostiene una ripresa dei colloqui fra israeliani e palestinesi, anche sullo status di Gerusalemme. Intanto, arriva un ordine dagli Stati Uniti, i diplomatici dello staff del consolato a Gerusalemme non potranno recarsi nella città vecchia, Gerusalemme Est, secondo la comunità internazionale parte della Cisgiordania.

Cresce l’allerta a Gerusalemme e nei Territori

L’annuncio ufficiale ancora non c’è stato ma le conseguenze non sono difficili da immaginare, tant’è che Israele si sta preparando a fronteggiare una rivolta palestinese. Montano i timori per possibili manifestazioni di protesta e disordini, al punto che lo stesso consolato degli Stati Uniti a Gerusalemme ha diramato un comunicato in cui invita il personale americano, i loro familiari e in più in generale i cittadini americani, ad evitare spostamenti non essenziali in parti della città e in Cisgiordania in vista di possibili manifestazioni.  I tre giorni cominceranno domani e finiranno venerdì.

Papa Francesco e il presidente palestinese Abu Mazen (Mahmoud Abbas) si sono parlati al telefono sulla questione relativa all’annunciato spostamento dell’ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme. Lo conferma all’ANSA il portavoce della Santa Sede, Greg Burke, specificando che la conversazione è avvenuta “per iniziativa di Abbas”.


Tags :