Napoli, senti Callejon e Mertens: “Rimasti qui per lo scudetto”

  • blog notizie - Napoli, senti Callejon e Mertens: “Rimasti qui per lo scudetto”

Il Napoli crede nello scudetto e non lo nasconde. I giocatori e la società sentono l’entusiasmo della città e Callejon e Mertens lo dichiarano: “Crediamo al Tricolore, daremo tutto”.

A Napoli parlare di scudetto non è più tabù. Suona la carica Dries Mertens: “Sono rimasto per vincere. Noi crediamo al Tricolore e daremo tutto in campo”. Segue la scia Josè Maria Callejon: “Sogno il titolo anche se sarà una corsa a cinque. Non siamo in crisi, è una flessione che capiterà anche agli altri”.

Le parole di Callejon

Non dite la parola “crisi” a Callejon: “Siete esagerati. È una flessione momentanea e umana, con tante partite in rapidissima successione. Ci può stare che accada e non bisogna farne un dramma. Anzi: bisognerebbe pensare che, nonostante tutto, restiamo un punto dietro l’attuale capolista”, dice al Corriere dello Sport. “È vero che siamo meno travolgenti rispetto a settembre oppure ottobre. Ma penso che sia normale: toccherà anche agli altri. Ora c’è l’Europa League e non l’affronteremo con leggerezza”.

Ancora Mertens

Dries Mertens è d’accordo e a Canale 21 dice: “Uscire dalla Champions è sempre brutto, vuoi sempre continuare fino alla fine. Lo stesso è capitato lo scorso anno col Real Madrid. Ma non ci si può pensare, perché si gioca ogni tre giorni. Anche in Europa League vogliamo andare avanti, è una bella strada. Ci sono tante partite e non si possono vincere tutte, ogni squadra ha un momento difficile nel campionato. Si vede poi alla fine. Secondo me senza Sarri non saremmo dove siamo ora. Ha molte responsabilità, fa le scelte sue. Dal momento che è arrivato al Napoli ha costruito una squadra fortissima con giocatori che erano normali. Questo è accaduto grazie al mister. Sono rimasto perché ho creduto in questo gruppo, nella forza di Sarri e del progetto. Potevo guadagnare molti più soldi in Cina ma questa città è anche un po’ mia. Stiamo provando a vincere e speriamo di riuscirci”.


Tags :