Rinviata direttiva Bolkenstein al 2020: salvi i venditori ambulanti

  • blog notizie - Rinviata direttiva Bolkenstein al 2020: salvi i venditori ambulanti Rinviata direttiva Bolkenstein

Rinviata direttiva Bolkenstein. Deciso il rinvio al 2019 per la piena entrata in vigore anche in Italia della direttiva Bolkestein sul commercio ambulante. Grazie ad un emendamento del Pd approvato nella notte in Commissione Bilancio della Camera: “Al fine di garantire che le procedure per l’assegnazione delle concessioni del commercio su aree pubbliche siano realizzate in un contesto temporale e regolatorio omogeneo, il termine delle concessioni in essere alla data di entrata in vigore della presente disposizione e con scadenza anteriore al 31 dicembre prorogato fino a tale data”.

Rinviata direttiva Bolkenstein: molte le proteste

Era la norma che aveva scatenato proteste in quasi tutte le piazze italiane e nella notte a poche ore dalla chiusura della legge di stabilità è arrivato il via libera: nuovo rinvio per la piena entrata in vigore anche in Italia della direttiva Bolkestein sul commercio ambulante.

La Commissione Bilancio della Camera è ancora al lavoro sulla manovra dopo una no-stop durata tutta la notte. La seduta è ripresa all’una ma la votazione degli emendamenti è proseguita a rilento. Il via libera definitivo per far approdare il testo in Aula è atteso stasera. Se ne parlerà, insomma, nel 2020 alla luce degli equilibri politici che emergeranno dalle elezioni politiche del prossimo 4 marzo. La norma era una tra le più delicate all’interno della Legge di Bilancio in corso di approvazione, tanto da suscitare proteste in tutte le piazze italiane.

Quanto ai contenuti del testo in esame, da quello che si apprende, oltrea al tema del recepimento della Bolkestein, non ci saranno ritocchi per il Jobs act, mentre il bonus bebè viene rifinanziato per i soli nati nel 2018, ma sale a 4mila euro la soglia di reddito entro la quale i figli lavoratori rimangono fiscalmente a carico dei genitori.

Inoltre l’imposta sulle transazioni digitali passa dal 6% fissato al Senato al 3% e, diversamente da quanto ipotizzato all’inizio, non viene allargata al commercio.


Tags :