Napoli violenta, ancora aggressioni da parte di baby gang: è emergenza

  • blog notizie - Napoli violenta, ancora aggressioni da parte di baby gang: è emergenza napoli violenta

Napoli violenta. Non si ferma l’ondata di violenza che sta interessando Napoli. Dopo la prima aggressione ai danni di Arturo, il 17enne accoltellato una settimana prima di Natale è stato un crescendo di episodi di violenza.

Solo ieri si era registrata un’altra un’aggressione ai danni di due studenti nel napoletano da parte di una baby gang a Pomigliano D’Arco. In dieci, armati di catena per rapinare uno smartphone hanno picchiato due studenti di 14 e 15 anni. Le vittime hanno identificato due dei presunti aggressori, un 15enne e un 13enne. Proseguono intanto le indagini sul pestaggio del 15enne a Chiaiano mentre la madre del 17enne ferito alla gola lo scorso 18 dicembre a Napoli lancia un movimento civico “di madri ferite” e lancia un appello a quelle degli aggressori per aiutare i ragazzi.

Napoli violenta: emergenza baby gang

Altro episodio di violenza davanti alla stazione della metropolitana ‘Policlinico’ un sedicenne ha riferito di essere stato avvicinato da un gruppo di ragazzi, di età compresa tra i 16 e i 18 anni, che non conosceva. Prima hanno iniziato ad insultarlo, poi lo hanno colpito al volto con un pugno rompendogli il naso. Al minorenne è stata refertata una prognosi di 30 giorni. Il ragazzo ha rifiutato il ricovero. La Polizia di Stato, che non è intervenuta sul posto ma è stata allertata in ospedale, sta accertando i fatti.

Ore contate invece per gli aggressori di Gaetano il ‘branco’ che all’esterno della stazione della metropolitana di Chiaiano a Napoli ha aggredito il 15enne Gaetano, preso e calci e pugni fino a provocargli lo spappolamento della milza, poi asportatagli in ospedale con un intervento chirurgico. In dieci sono stati già identificati e alcuni di loro denunciati a piede libero per lesioni gravissime.

Aggressioni senza movente

Determinanti sono state le immagini delle telecamere di sorveglianza sia della metropolitana che di altri negozi che insistono su via Santa Maria a Cubito. Il gruppo, composto da almeno quindici ragazzi, senza un movente apparenti ha aggredito Gaetano e due sue cugini.

Il ‘branco’ è composto da ragazzi con una età che va dai 14 ai 17 anni e sono quasi tutti figli di pregiudicati della zona di Piscinola e Marinella, due rioni poco distanti dal luogo dell’aggressione.


Tags :