Al Bano ritiro dalle scene: “Fare musica è come sc*pare”

Al Bano ritiro dalle scene: “Fare musica è come sc*pare” – Il 2018 sarà per Al Bano un anno davvero speciale in quanto segnerà il suo addio alla musica. Non gli manca di certo la voglia di cantare ma, i problemi fisici sopraggiunti in questi ultimi mesi lo hanno costretto a dover prendere una scelta definitiva. Ecco cos’ha dichiarato in una lunga intervista rilasciata a Rolling Stones.

“Prima dell’infarto stavo da Dio, è questa botta improvvisa che mi ha cambiato totalmente. Mi sono sempre sentito iperattivo, pieno di energie. Poi un bel giorno mi sono trovato a pagare il conto con il mio corpo. Nella sfiga, mi è andata anche bene (…) e sai perché? Mi ha aiutato l’infarto. Le medicine post-infarto hanno lenito gli effetti ischemici”.

SFOGLIA LA GALLERY PER VEDERE LE FOTO

Al Bano ritiro dalle scene: “Fare musica è come sc*pare”

“Ne sentivo il bisogno fisico e mentale. Sai, dopo aver avuto un tumore, poi un infarto, poi un’ischemia e infine un edema alla corda vocale destra, cominci a pensarci meglio. Sono arrivati tutti nello stesso periodo, li ho presi come dei segnali”.

Lo scorso hanno è stato si un anno negativo per via di tutti i problemi fisici, ma soprattutto bello per il ritorno in coppia con la ex moglie Romina Power. Quest’anno inizierà il suo ultimo tour live in tutta Italia e per il mondo. Al Bano infatti è molto amato nei paesi dell’est.

Il cantante di Cellino San Marco, una delle voci più amte in Italia, ha parlato della similitudine tra la musica ed il sesso.

“Fare musica è come scopare. È fantastico. Per me la musica è stata sempre come un tappeto magico. Quando avevo cinque anni mio padre mi portava in campagna a zappare nei campi. E lì mi ricordo che cantavo. Stessa cosa a scuola: una volta consegnai un testo di una mia canzone al posto delle risposte di un compito di chimica. Quando la professoressa venne da me per chiedermi spiegazioni, le risposi: “È questa la mia chimica”. Ovviamente quell’anno mi bocciarono” ha raccontato alla rivista.


Tags :