Uomini e Donne, Marta Pasqualato lascia lo studio

  • blog notizie - Uomini e Donne, Marta Pasqualato lascia lo studio Marta Pasqualato

Assiste ai baci tra Nicolò e Virginia e lascia lo studio. Marta Pasqualato non ha retto di fronte alla visione del tronista con la sua sfidante. Al pubblico, però, non è piaciuta la sceneggiata ed inveisce contro Marta.

Nicolò Brigante ha selezionato due tra le quattro ragazze che gli facevano la corte: Virginia e Marta. Il bel siciliano è andato in esterna con entrambe: è uscito prima con Marta, baciandola, e poi con Virginia, baciando anche lei. Quando la Pasqualato ha visto il video, è andata su tutte le furie, sentendosi tradita dal tronista. Marta abbandona lo studio, ma resta fuori per poi entrare nuovamente e andare ancora via. La sceneggiata non è piaciuta al pubblico, che si lamenta. Una spettatrice dal pubblico esclama: “Ma si sedesse Marta! Non mi ha mai convinta e ora che so che è un tarocco mi fa proprio ridere!”. Un’iniezione di sfiducia anche verso il programma per le persone in studio, che dopo la visione di una scenetta non nuova a Uomini e Donne si esprime: “Ma cambiate un po’ registro! ‘Ste sceneggiate viste e straviste…. escono e poi dopo 5 minuti rientrano…. questo programma sta diventando veramente ridicolo!”.

Marta è deluda da Nicolò dopo il doppio bacio con Virginia Stablum. La corteggiatrice si era confessata con il tronista, che poi, però, è andato in esterna con Virginia. Marta è così scappata via correndo e Nicolò l’ha raggiunta nel backstage. Maria chiede alla corteggiatrice di rientrare, Marta dice di sentirsi umiliata e lascia di nuovo lo studio. Nicolò prova a seguirla inutilmente, visto che Marta va via in macchina.

Il precedente

C’era già un precedente tra i due. Infatti, poco tempo fa, l’opinionista Gianni Sperti aveva rivelato a Nicolò che Marta aveva una specie di storia con un ragazzo che sta a Ferrara. Alla richiesta del tronista di chiamare al telefono questo ragazzo in trasmissione, Marta ha rifiutato e di conseguenza era stata eliminata.


Tags :