Napoli video hot sul web: minaccia l’ex di condividere. Arrestato

  • blog notizie - Napoli video hot sul web: minaccia l’ex di condividere. Arrestato Napoli video hot sul web

Napoli video hot sul web. Palma Campania, provincia di Napoli, due ragazzi si conoscono sul web e intraprendono una relazione adolescenziale. Tutto normale, se non fosse che lui, maggiorenne, ricatta lei, quattordicenne, minacciandola di pubblicare sui social video e foto hot di lei, qualora non avesse continuato a mandarglieli.

I genitori della quattordicenne si sono insospettiti e hanno denunciato il fatto alle forze dell’ordine che arrestano un ragazzo maggiorenne: le indagini, coordinate dalla Procura di Napoli, hanno preso le mosse da un video a sfondo sessuale diffuso in Rete. I carabinieri hanno così arrestato il ragazzo a un’ordinanza  per i reati di pornografia minorile continuata e aggravata.

Napoli video hot sul web: i genitori della giovane hanno denunciato l’accaduto

Dopo le minacce del giovane la minore ha cominciato ad assumere atteggiamenti strani, di chiusura verso il mondo esterno. Proprio questi comportamenti hanno indotto i genitori della ragazza a vederci chiaro nella vita della figlia. Con cautela hanno cominciato ad approfondire il caso e così hanno scoperto che la ragazzina aveva cominciato una relazione con un ragazzo maggiorenne di un altro centro del Napoletano. Una storia andata avanti per un po’ di tempo e che ha visto la minorenne ed il ragazzo protagonisti anche di un video a sfondo erotico. E questo video è diventato l’oggetto dell’interesse del giovane il quale, stando ai risultati investigativi, con la minaccia di lasciarla e di diffondere materiale osè ha indotto la 14enne a inviargli il video a sfondo sessuale, poi ugualmente diffuso.

Il commento del sindaco di Palma Campania

Il sindaco di Palma Campania, Vincenzo Carbone, esprime la propria solidarietà alla famiglia della giovane. “Ai genitori e alla ragazzina va tutta la mia solidarietà, fortunatamente siamo di fronte ad una famiglia che è stata capace di comprendere in tempo il dramma interiore che stava vivendo la 14enne, riuscendo a far bloccare il colpevole, e ad evitare conseguenze che potevano essere ben più drammatiche”. “Sono costernato rispetto al ripetersi di fatti simili”.

“Siamo di fronte ad una vera e propria piaga – aggiunge il sindaco, che è candidato al Senato con Forza Italia – con un’escalation di episodi simili sul web che deve essere fermata e non solo con i mezzi giuridici a disposizione.

C’è bisogno di intervenire anche dal punto di vista sociale, educando i giovani a non usare il web ed i mezzi tecnologici per fatti delittuosi. Per questo risulta fondamentale l’apporto della famiglia e della scuola, che devono far capire ai giovani che queste cose non devono accadere non solo perché si va incontro a conseguenze penali, ma anche perchèé sono moralmente insane”.


Tags :