Foggia: uccide moglie a coltellate, in casa c’erano anche i figli

  • blog notizie - Foggia: uccide moglie a coltellate, in casa c’erano anche i figli Uccide moglie a coltellate

Uccide moglie a coltellate. La notte scorsa, Ferdinando Carella, 47 anni, ha assassinato la moglie, Federica Ventura, di 40 anni. L’uomo ha usato un coltello, colpendola dieci volte. È successo a Troia, in provincia di Foggia. Subito dopo, il 47enne ha tentato di ammazzarsi con la stessa arma, colpendosi al petto. Carella è ricoverato in gravissime condizioni negli Ospedali Riuniti di Foggia dove sarà sottoposto ad un delicato intervento chirurgico.

Uccide moglie a coltellate

La tragedia si è consumata in un’abitazione di via Kennedy, a Troia, intorno alle tre e trenta della notte scorsa. Stando alla ricostruzione dell’accaduto, in nottata, la coppia, sposata con due figli piccoli di otto e dieci anni, avrebbe avuto l’ennesimo litigio, forse per questioni di gelosia. Sono stati i parenti delle vittime, che abitano nello stesso stabile, a lanciare l’allarme. Quando il personale del 118 ed i carabinieri del comando provinciale di Foggia sono arrivati sul posto, hanno trovato la donna ormai già morta ed il marito riverso sul pavimento con ancora il coltello nel petto. Gli agenti stanno ricostruendo il quadro della situazione e stanno sentendo parenti e amici della vittima per cercare di ricostruire il contesto familiare in cui si è consumato l’omicidio.

Uccide moglie a coltellate, in casa c’erano anche i figli

Secondo quanto si è appreso, non ci sono state in passato denunce da parte della vittima. Nonostante dei contrasti nella vita di coppia, sembra che non vi fossero segnali evidenti di crisi tra i due coniugi. “Sono circostanze che stiamo cercando di appurare – hanno dichiarato al comando provinciale dei carabinieri – e stiamo sentendo tutte le persone che conoscevano i coniugi Carella. Al momento non possiamo dire altro”. In casa, c’erano anche i due figli minorenni della coppia, ma non si sa se siano stati testimoni dell’accaduto o se abbiano continuato a dormire nonostante le urla dei genitori.


Tags :